Enrico IV di Sassonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Enrico IV di Sassonia
Ritratto di Enrico IV di Sassonia del 1514 eseguito da Lucas Cranach il Vecchio
Duca di Sassonia
Stemma
Stemma
In carica17 aprile 1539 –
18 agosto 1541
PredecessoreGiorgio di Sassonia
SuccessoreMaurizio
NascitaDresda, 16 marzo 1473
MorteDresda, 18 agosto 1541 (68 anni)
Casa realeCasa di Wettin
PadreAlberto III di Sassonia
MadreSidonia di Boemia
ConsorteCaterina di Meclemburgo-Schwerin
FigliSibilla
Emilia
Sidonia
Maurizio
Severino
Augusto
ReligioneLuteranesimo

Enrico IV di Sassonia detto il Pio (Dresda, 16 marzo 1473Dresda, 18 agosto 1541) fu duca di Sassonia della casa di Wettin.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Egli era il secondo figlio di Alberto, duca di Sassonia e di sua moglie Sidonia di Poděbrady[1], principessa di Boemia. Alla morte del padre (1500), suo fratello maggiore, Giorgio, assunse la reggenza del ducato ed Enrico divenne governatore della Frisia.

L'occupazione sassone della Frisia, comunque, era costellata da una serie di rivolte. In seguito Enrico, che si era opposto a questa sua nomina fittizia, reclamò i suoi diritti al trono e, nel 1505 venne fatto un accordo tra i due fratelli e il governo della Frisia venne ceduto a Giorgio, mentre Enrico ricevette una somma annuale e i distretti di Freiberg - dove Enrico aveva posto la sua residenza - e Wolkenstein.

Alla morte dell'unico figlio vivente del fratello Giorgio, ed in accordo con la costituzione del 1499, il fratello protestante di Giorgio, Enrico, era ora erede diretto al trono; ma Giorgio (devoto cattolico) violò il testamento del padre, cedendo il Ducato a Ferdinando, fratello di Carlo V d'Asburgo. La prematura morte di Giorgio prevenne comunque la realizzazione dei suoi progetti.

Il regno di Enrico IV durò solamente due anni (1539-1541), iniziato quando aveva 66 anni. Durante questo periodo di tempo, Enrico divenne uno dei più fervidi sostenitori di Martin Lutero, invitò a Lipsia il prevosto Justus Jonas e i teologi luterani Gaspare Crucigero e Johann Pfeffinger, e introdusse la riforma protestante in Sassonia, rendendola religione di Stato[2].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

A Freiberg, il 6 luglio 1512, Enrico sposò Caterina, figlia del Duca Magnus II di Meclemburgo-Schwerin, da cui ebbe sei figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico I di Sassonia Federico III di Meißen  
 
Caterina di Henneberg  
Federico II di Sassonia  
Caterina di Brunswick-Lüneburg Enrico di Brunswick-Lüneburg  
 
Sofia di Pomerania  
Alberto III di Sassonia  
Ernesto I d'Asburgo Leopoldo III d'Asburgo  
 
Verde Visconti  
Margherita d'Austria  
Cimburga di Masovia Siemowit IV di Masovia  
 
Alessandra di Lituania  
Enrico IV di Sassonia  
Vittorino I di Poděbrady Boczek V di Poděbrady  
 
Anna Lipa di Duba  
Giorgio di Boemia  
Anna di Wartenberg Giovanni di Wartenberg  
 
Anna di Velhartic  
Sidonia di Boemia  
Smilo di Sternberg Udalrico di Sternberg  
 
Margherita di Seeberg  
Cunegonda di Sternberg  
Barbara Flaschka von Richenburg Zdenic Pardubic  
 
Anna Vartemberka  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rapelli, 2011, p. 254.
  2. ^ Ralph Keen, Defending the Pious: Melanchthon and the Reformation in Albertine Saxony, 1539, in Church History, vol. 60, n. 2, 1991, p. 160, DOI:10.2307/3167524.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paola Rapelli, Symbols of Power in Art, J. Paul Getty, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN264830583 · ISNI (EN0000 0003 8244 6331 · BAV 495/15983 · CERL cnp00383084 · LCCN (ENn2003071695 · GND (DE115821872 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003071695