Classe Zumwalt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Zumwalt
USS Zumwalt (DDG-1000) at night.jpg
La USS Zumwalt per la prima volta in galleggiamento all'uscita dal bacino il 28 ottobre 2013
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Tipocacciatorpediniere missilistico
Numero unità3
In servizio conFlag of the United States.svg U.S. Navy
Utilizzatore principaleU.S. Navy
CostruttoriBAE Systems, Bath Iron Works, Huntington Ingalls Industries, Raytheon [1]
Caratteristiche generali
Dislocamento14564
Velocità35 mph nodi

[2] [3]

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

La classe Zumwalt è una classe di cacciatorpediniere della United States Navy, il cui allestimento è iniziato col primo esemplare nell'ottobre 2008 ai cantieri Bath Iron Works[4][5].

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Schema della Zumwalt

La capoclasse è stata dedicata all'ammiraglio Elmo Zumwalt, importante figura nella US Navy degli anni sessanta e settanta, come capo delle operazioni navali ed autore di una importante riforma del personale della marina.

Inizialmente programmati in 32 esemplari, questi per problemi di realizzazione e lievitazione dei costi sono stati ridotti prima a 10 poi a 3 e il programma è considerato a rischio dalla US Navy secondo quanto stabilito dall'emendamento Nunn-McCurdy del 2010 sui tagli ai costi della difesa[6][7]. Il progetto contempla uno scafo di concezione stealth molto spinta, elettronica d'avanguardia, due lanciatori verticali multiarma per complessivi 256 missili, due cannoni automatici da 155mm e due sistemi CIWS da 57mm per la difesa di punto. Il progetto prevede anche l'installazione di cannoni ad induzione (railgun) quando questa tecnologia sarà matura[8].

Per la prima volta dalla guerra russo-giapponese del 1905, una nave militare riprende la forma con una prua a sperone, questa volta non come arma offensiva ma per diminuire la segnatura radar e "aprire" le onde piuttosto che cavalcarle[9].

Realizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il contratto per la pianificazione della produzione e reperimento dei materiali è stato firmato con la Northrop Grumman per 90 milioni di dollari USA il 13 novembre 2007.[10] Il 14 febbraio 2008, la Bath Iron Works è stata scelta come contrattista per la costruzione della USS Zumwalt (DDG-1000), e Northrop Grumman Shipbuilding ha avuto il contatto per la successiva USS Michael Monsoor (DDG-1001), al costo di $1.4 miliardi ognuna.[11]

Rappresentanti del Naval Sea Systems Command e della Bath Iron Works siglano il contratto di costruzione al Pentagono, febbraio 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.gao.gov/assets/670/668986.pdf#page=81
  2. ^ http://www.gao.gov/assets/670/668986.pdf#page=81
  3. ^ Dan Petty, The US Navy -- Fact File: Destroyers - DDG, su www.navy.mil. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  4. ^ First Zumwalt-Class Destroyer to Join U.S. Navy Fleet by late 2014, su navyrecognition.com, 25 novembre 2013.
  5. ^ Raytheon awarded $75 million for DDG 1000 Zumwalt class Destroyer program, su navyrecognition.com, 18 dicembre 2013.
  6. ^ Root Cause Analyses of Nunn-McCurdy Breaches, Volume 1 (PDF), RAND National Defense Research Institute, 2011, p. 19. URL consultato il 18 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2013).
  7. ^ "Managing Affordability Industry Death Spiral UKUS Archiviato l'11 febbraio 2015 in Internet Archive.."
  8. ^ Electromagnetic Railgun - A "Navy After Next" Game Changer, su CHIPS - The Department of the Navy Information Technology Magazine, su chips.navy.mil. URL consultato il marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2012).
  9. ^ Wave Piercing Tumblehome Hull, Raytheon Company, 22 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2008).
  10. ^ U.S. Navy Awards Northrop Grumman $90 Million Long-Lead Material Contract for DDG 1000, Northrop Grumman Corporation, 13 novembre 2007.
  11. ^ Navy Awards Contracts for Zumwalt Class Destroyers, Navy News Service, 14 febbraio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni generali sulla classe di cacciatorpediniere DD(X)
Resoconti governativi sul programma DD(X) Destroyer