Christian Lépine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christian Lépine
arcivescovo della Chiesa cattolica
Rio de Janeiro - Mgr Christian Lépine - 2.jpg
Monsignor Lépine a Rio de Janeiro nel 2013
Coat of arms of Christian Lépine.svg
Si scires donum Dei
 
TitoloMontréal
Incarichi attualiArcivescovo metropolita di Montréal (dal 2012)
Incarichi ricoperti
 
Nato18 settembre 1951 (66 anni) a Montréal
Ordinato presbitero7 settembre 1983 dall'arcivescovo Paul Grégoire (poi cardinale)
Nominato vescovo11 luglio 2011 papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo10 settembre 2011 dal cardinale Jean-Claude Turcotte
Elevato arcivescovo20 marzo 2012 da papa Benedetto XVI
 

Christian Lépine (Montréal, 18 settembre 1951) è un arcivescovo cattolico canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 18 settembre 1951 a Montréal, prima di entrare nel Seminario Maggiore ha studiato al Collège Militaire Royal de St-Jean e all'Ecole Polytechnique de Montréal. È stato ordinato sacerdote il 7 settembre 1983 e ha svolto il ministero pastorale come vice parroco. Dal 1986 al 1998 ha studiato teologia a Roma, presso l'Università Gregoriana, ottenendo la licenza in Teologia Dogmatica. Ha svolto molteplici incarichi sia come Vicario parrocchiale che come Parroco. Inoltre, è stato segretario del Cardinale Turcotte dal 1996 al 1998, anno in cui ha preso servizio presso la Segreteria di Stato e, successivamente, presso la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Dal 2001 al 2006 è stato membro dell'équipe dei formatori del Seminario Maggiore a Montréal, per poi diventare parroco di Notre-Dame-des-Champs e Purification-de-la-Bienheureuse-Vierge-Marie. L'11 luglio 2011 è stato nominato vescovo titolare di Zabi e ausiliare di Montréal ed è stato consacrato il successivo 10 settembre. Meno di un anno dopo, il 20 marzo 2012 viene nominato arcivescovo di Montréal succedendo così al cardinale Jean-Claude Turcotte, dimissionario per limiti di età.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54254451 · ISNI (EN0000 0000 7362 7008 · BNF (FRcb125137454 (data)