Chiesa cattolica a Saint Lucia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica a Saint Lucia
Emblem of the Holy See usual.svg
AnseLaReye catholic church.jpg
Anno 2009
Cattolici 100.243 (2006)
Popolazione 157.775 (2006)
Presbiteri 31
Religiosi 20
Religiose 35
Nunzio apostolico Fortunatus Nwachukwu

La Chiesa cattolica a Saint Lucia è parte della Chiesa cattolica in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato di Saint Lucia ha una superficie di 620 km² e una popolazione censita di 173.765 abitanti (2009). In base al censimento del 2001 il cattolicesimo costituiva la prima confessione religiosa del Paese con il 67,5% della popolazione totale.[1] Nel 1960 i cattolici costituivano il 92,4% della popolazione totale dell'isola.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si conosce l'esistenza di una parrocchia sull'isola di Santa Lucia almeno dal 1749, guidata spiritualmente dal francescano padre Coste. I cattolici per lungo tempo sono stati soggetti ai vicari e poi ai vescovi di Trinidad e Tobago, finché papa Pio XII non eresse, il 20 febbraio 1956, la diocesi di Castries, che divenne sede metropolitana con papa Paolo VI nel 1974.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Oggi, dall'arcidiocesi di Castries, che è l'unica circoscrizione ecclesiastica del Paese, dipendono le diocesi di Roseau, Saint George's e Saint John's-Basseterre.

L'episcopato locale è membro di diritto della Conferenza Episcopale delle Antille.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La nunziatura apostolica di Saint Lucia è stata istituita il 1º settembre 1984 con il breve Qui divino consilio di papa Giovanni Paolo II, separandola dalla delegazione apostolica nelle Antille. Il nunzio risiede a Port of Spain, in Trinidad e Tobago.

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]