Carlo di Cosimo de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Carlo de' Medici.

Carlo di Cosimo de' Medici (Firenze, 1428 o 1430Firenze, 29 maggio 1492) è stato un religioso e presbitero italiano, figlio naturale di Cosimo de' Medici (il Vecchio), avuto con una schiava circassa di nome Maddalena, comprata a Venezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu avviato dal padre alla vita religiosa. Dopo essere divenuto Canonico della Metropolitana di Firenze dal 1450, fu nominato Pievano di Santa Maria in Mugello e di San Donato di Calenzano (dove fece realizzare l'armonioso chiostro).

Divenuto abate di San Salvatore a Vaiano, fu incaricato anche di fare il Collettore Generale e Nunzio in Toscana.

Già anziano lo si trova arciprete di Prato dal 1460 e nel 1463 ricevette la carica di Protonotaro apostolico. Di lui ci resta un presunto ritratto di Andrea Mantegna, conservato agli Uffizi. Cosimo I gli fece fare un monumento funebre nel Duomo di Prato da Vincenzo Danti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]