Buddy Holly (Weezer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buddy Holly
Weezer, Buddy Holly (Spike Jonze).jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
ArtistaWeezer
Tipo albumSingolo
Pubblicazione7 settembre 1994
Durata2:39
Album di provenienzaWeezer
Genere[1]Rock alternativo
Power pop
EtichettaDCG Records
ProduttoreRic Ocasek
Registrazione1994
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 500 000+)
Weezer - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1995)

Buddy Holly è un singolo del gruppo musicale americano Weezer, secondo estratto dall'omonimo album di debutto e pubblicato il 7 settembre 1994.

Considerato come uno dei fiori all'occhiello del power pop moderno, per il sound che si presenta come un mix di chitarre di stampo rock e melodie pop, Buddy Holly venne pubblicato in occasione del 58º compleanno del celebre cantautore, morto in un incidente aereo.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il video del singolo venne diretto da Spike Jonze, e riprendeva la band che suonava nel locale "Arnold's", sullo scenario della serie televisiva Happy Days.

Il videoclip della canzone diventò così popolare che Microsoft lo incluse tra i contenuti bonus del CD-ROM di Windows 95.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Buddy Holly 2:40 (Rivers Cuomo)
  2. My Name Is Jonas (live) 3:40 (Jason Cropper, Cuomo, Patrick Wilson)
  3. Surf Wax America (live) 4:09 (Cuomo, Wilson)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Giudizi e critiche[4][modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Blue Album, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. Digitare "Weezer" in "Keywords", dunque premere "Search".
  3. ^ (EN) Weezer – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  4. ^ (EN) Henrik Franzon, Weezer - Buddy Holly, su Acclaimedmusic.net, 24 ottobre 2006. URL consultato il 10 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]