Death to False Metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Death to False Metal
Artista Weezer
Tipo album Studio
Pubblicazione 2 novembre 2010[1]
Durata 32 min : 45 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Alternative rock[1]
Pop punk[1]
Pop rock[1]
Power pop[1]
Etichetta Geffen Records
Produttore Taylor Morden, Rivers Cuomo, Shawn Everett
Weezer - cronologia
Album precedente
(2010)

Death to False Metal è il nono album in studio dei Weezer, pubblicato il 2 novembre 2010 dalla Geffen Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco non è altro che una raccolta di brani inediti registrati nel corso degli anni dalla band e messi insieme in quanto, a detta di Rivers Cuomo, "è l'album più adatto come successore a Hurley". Effettivamente, lo stile dei brani è molto simile a quello intrapreso dalla band nel suo ottavo album, che è stato realizzato basandosi su sonorità più tipicamente power pop che sull'alternative rock che ha caratterizzato i primi anni di carriera degli Weezer[1].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Turning Up the Radio - 3:37
  2. I Don't Want Your Loving - 3:03
  3. Blowin' My Stack - 3:44
  4. Losing My Mind - 4:02
  5. Everyone - 2:49
  6. I'm a Robot - 2:30
  7. Trampoline - 2:45
  8. The Odd Couple - 3:07
  9. Autopilot - 2:57
  10. Un-Break My Heart (Toni Braxton cover) - 4:11
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Yellow Camaro – 1:54
  2. Outta Here – 2:34
Tracce bonus nell'edizione internazionale
  1. Yellow Camaro – 1:54
  2. Outta Here – 2:34
Traccia bonus nell'edizione iTunes
  1. Mykel & Carli – 3:14

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Death to False Metal, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 19 ottobre 2013.