Bilohirs'k

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bilohirs'k
municipalità
(UK) Білогірськ
(RU) Белого́рск
(TT) Qarasuvbazar
Bilohirs'k – Stemma
Localizzazione
StatoRussia Russia
Ucraina Ucraina[1]
Circondario federaleMeridionale
Soggetto federaleCrimea
Territorio
Coordinate45°03′16″N 34°36′08″E / 45.054444°N 34.602222°E45.054444; 34.602222 (Bilohirs'k)Coordinate: 45°03′16″N 34°36′08″E / 45.054444°N 34.602222°E45.054444; 34.602222 (Bilohirs'k)
Altitudine180 m s.l.m.
Superficie5,42 km²
Abitanti16 354 (2014)
Densità3 017,34 ab./km²
Altre informazioni
LingueRusso, ucraino, tataro
Fuso orario
Cartografia
Coordinate al di fuori della mappa
Sito istituzionale

Bilohirs'k o Belogorsk (Ucraino Білогірськ; Russo: Белого́рск; Tataro di Crimea: Qarasuvbazar; Turco: Karasubazar) è una città della Repubblica di Crimea. La città, in quanto parte della penisola di Crimea, è riconosciuta dalla maggior parte delle nazioni come appartenente all'Ucraina, ma è annessa alla Russia dal 2014.[1]

Bilohirs'k si trova a 41 km a nord-est di Simferopoli. Il nome in lingua russa ed ucraina significa letteralmente montagne bianche. In lingua tatara invece il toponimo Qarasuvbazar significa: bazar sul fiume Karasu.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1736, quando Bachčysaraj venne conquistata dall'Impero russo il Khan tataro Giray si rifugiò qui. L'anno seguente tuttavia anche quest'ultimo bastione dei Tatari di Crimea cadde sotto i colpi dell'esercito russo. Nel corso della seconda guerra mondiale Bilohirs'k fu occupata dai tedeschi tra il 1941 ed il 1944. Nel corso dell'occupazione la locale comunità ebraica venne completamente annientata dai Nazisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b De iure, secondo la Risoluzione delle Nazioni Unite 68/262, si trova in Ucraina; de facto, secondo il Trattato di adesione della Crimea alla Russia, è parte della Russia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7718696-5