Biblioteca comunale Publio Ovidio Nasone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca comunale Publio Ovidio Nasone
Ubicazione
StatoItalia Italia
IndirizzoSulmona, Palazzo Comunale
Caratteristiche
TipoPubblica
ISILIT-AQ0109

Coordinate: 42°02′55.14″N 13°55′24.34″E / 42.048651°N 13.923429°E42.048651; 13.923429

La biblioteca comunale Publio Ovidio Nasone di Sulmona ha origine nel 1812, quando alcuni cittadini sulmonesi costituirono una pubblica biblioteca nel Palazzo Comunale.

Il primo fondo bibliografico raccolto venne trasferito nella Biblioteca del Collegio degli Abruzzi che aveva sede in quella che era stata l'Abbazia di Santo Spirito a Morrone, fondata da Pietro da Morrone prima che diventasse Papa Celestino V.

Quando nel 1816 il Regio Collegio venne trasferito a L'Aquila si perse traccia dei volumi della biblioteca. Fino all'unificazione del Regno d'Italia non abbiamo notizie di biblioteche pubbliche in Sulmona. Nel 1865, con l'acquisizione del patrimonio bibliografico dei conventi dei Minori riformati di Sulmona e di Castel di Sangro, alienato per l'editto di Gioacchino Murat, il Comune di Sulmona costituì una nuova Biblioteca pubblica che si arricchi nel 1867 con i fondi delle biblioteche conventuali di Scanno, di Pacentro, di Raiano e di Castel di Sangro.

Tutti i libri acquisiti vennero sistemati in un locale, precedentemente adibito a rimessa, che era stato ripulito, fornito di librerie in noce lungo tutte le pareti ed ornato di stucchi.

Nella Rassegna Abruzzese del 15 aprile 1898 il locale viene definito "ottimo" allo scopo e di fatto ancora oggi la Sala Lignea della Biblioteca Comunale, dopo un accurato restauro, è uno splendido ambiente che conserva volumi datati dal XVI fino al XIX secolo e un consistente fondo ovidiano.

Nella sala, cuore della Biblioteca, si tengono mensilmente incontri culturali, concerti, presentazioni di nuovi libri.

Nel 1958, in occasione del bimillenario della nascita, avvenuta a Sulmona, la Biblioteca Comunale venne intitolata al poeta Publio Ovidio Nasone.

Attualmente è inagibile a causa del sisma del 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leopoldo Cassese, Guida storica e bibliografica degli archivi e delle biblioteche d'Italia, 1940

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN149873068