Anagrafe delle biblioteche italiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anagrafe delle biblioteche italiane
Logo
Screenshot Anagrafe Biblioteche.png
URL
Commerciale no
Tipo di sito portale
Lingua Italiano
Registrazione facoltativa
Proprietario Istituto centrale per il catalogo unico
Stato attuale attivo

L'Anagrafe delle biblioteche italiane è un servizio volto a censire le biblioteche esistenti sul territorio italiano, coordinato dall'Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche.

La base dati dell'Anagrafe presenta i dati principali di 13 794 biblioteche (come la tipologia, l'indirizzo, gli orari di apertura, i contatti, il patrimonio e i fondi disponibili, i servizi offerti...) e viene aggiornata periodicamente in base alle informazioni fornite dai partner e dai poli bibliotecari. Al servizio contribuiscono regioni, università, enti ecclesiastici e altre istituzioni culturali. I dati sono integrati all'interno del Servizio bibliotecario nazionale.[1]

I dati dell'Anagrafe sono disponibili per il download in formato CSV, XML e JSON.[2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Anagrafe delle biblioteche nacque agli inizi degli anni novanta come Progetto di censimento delle biblioteche in Italia, attraverso la creazione del Catalogo delle biblioteche d'Italia,[4] un catalogo a stampa la cui pubblicazione è iniziata nel 1993 ed è terminata nel 2004.[5]

Nel giugno 2011, l'ICCU e l'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici stipularono un accordo di collaborazione per l'integrazione e il riversamento periodico dei dati dell'Anagrafe degli Istituti culturali ecclesiastici all'interno dell'Anagrafe delle biblioteche italiane.[6]

Sempre nel 2011 è stato realizzato un software open source per facilitare l'aggiornamento, la gestione e la trasmissione dei dati delle biblioteche a livello regionale e nazionale.[7] Nel marzo 2012, l'ICCU ha sottoscritto il primo accordo per l'utilizzo di questo software con la Regione Campania.[5][8]

Il 6 marzo 2013 è stato pubblicato l'attuale sito dell'Anagrafe, basato su OpenCms.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia, Anagrafe delle biblioteche italiane. URL consultato il 15 giugno 2017.
  2. ^ Open Data, Anagrafe delle biblioteche italiane. URL consultato il 15 giugno 2017.
  3. ^ Gli Open Data delle biblioteche italiane in formato JSON, Anagrafe delle biblioteche italiane, 21 dicembre 2016. URL consultato il 15 giugno 2017.
  4. ^ Catalogo delle biblioteche d'Italia, Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche, 10 marzo 2014. URL consultato il 15 giugno 2017.
  5. ^ a b Anagrafe delle biblioteche italiane, Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche, 12 luglio 2016. URL consultato il 15 giugno 2017.
  6. ^ Accordo ICCU-Anagrafe degli Istituti culturali ecclesiastici (PDF), Anagrafe delle biblioteche italiane. URL consultato il 15 giugno 2017.
  7. ^ Software regionale open source, Anagrafe delle biblioteche italiane. URL consultato il 15 giugno 2017.
  8. ^ Accordo ICCU-Regione Campania (PDF), Anagrafe delle biblioteche italiane. URL consultato il 15 giugno 2017.
  9. ^ Nuova versione del sito e nuovo applicativo di catalogazione, Anagrafe delle biblioteche italiane, 28 febbraio 2013. URL consultato il 15 giugno 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]