Bandiera della Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La bandiera della Regione Toscana

La bandiera della Toscana prende spunto dallo stemma e dal gonfalone con il Pegaso in argento "inserito in uno scudo sannitico con campo rosso" disciplinato dalla L. R. n. 44 del 20 maggio 1975, scartato l'utilizzo dell'Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci perché troppo difficile da riprodurre[1].

La bandiera della Toscana di uso marittimo nel XVIII secolo

Il Pegaso fu scelto perché fu l'emblema del Comitato toscano di Liberazione Nazionale durante la resistenza negli anni 1943-1944: quello raffigurato sulla sua bandiera era tratto da un'incisione sulla copertina della rivista Pegaso.

La L. R. n.18 del 3 febbraio 1995[2] inserì una versione del Pegaso migliorata, tratta dal verso di una medaglia del 1537 attribuita a Benvenuto Cellini che attualmente è esposta al Museo Nazionale del Bargello di Firenze.

I colori bianco e rosso ripetono quelli presenti nella bandiera del Granducato di Toscana[3] e corrispondono a quelli già adottati intorno al 1000 dai primi sovrani di Toscana quali Ugo di Toscana (con il suo stemma palato di rosso e di bianco[4]) e i vari Guidi, fin dai tempi di Teodigrimo di Toscana (l'ultimo Guidi a ricoprire una carica di governo pan-toscana fu Guido Novello di Modigliana nel 1266).

I colori bianco e rosso vennero poi usati in molte bandiere storiche toscane successive (quelle, per esempio, della Repubblica Fiorentina, della Repubblica di Pisa e di Repubblica di Lucca) e nelle bandiere e gonfaloni (ancora oggi in uso) di quasi tutte le città toscane capoluogo di provincia: Livorno, Massa, Pistoia, Grosseto, Firenze e Arezzo[5]. Carrara, Prato e Siena hanno colori diversi (o manca il bianco o manca il rosso), anche se i colori bianco e rosso sono presenti nella bandiera della provincia di Siena (leone bianco su sfondo rosso)[6]. Questa preponderanza dei due colori bianco (argento in araldica) e rosso li rende di fatto il più antico segno araldico dell'identità della Toscana.

Del carattere toscano dei colori rosso e bianco era cosciente anche Napoleone (al quale, tra le altre cose, la storiografia toscana dell'epoca propose una discendenza dai Guidi), che quando fu esiliato all'Isola d'Elba cercò di dare al suo nuovo piccolo regno una bandiera che fosse sintesi delle più antiche tradizioni araldiche toscane. Di questo ce ne da testimonianza il comandante della fregata inglese HMS Undaunted, Thomas Ussher, che portò Napoleone da Marsiglia all'Elba e che così scrive nelle sue memorie: «Napoleone aveva con sé un libro dove erano raffigurate tutte le bandiere della Toscana, antiche e moderne; mi chiese la mia opinione su quella che aveva scelto»[7]. Questo interesse di Napoleone per l'araldica toscana ce lo conferma anche il commissario britannico designato ad accompagnare Napoleone all'Elba, il colonnello Neil Campbell, che scrisse nel suo diario: «[...] era il più esattamente possibile una bandiera dell'antica Toscana»[8].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'uso del Pegaso come simbolo della Toscana, su regione.toscana.it. URL consultato il 16 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  2. ^ Regione Toscana, L.R. 3 febbraio 1995 n. 18, su jtest.ittig.cnr.it (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2016).
  3. ^ Bandiera della Toscana
  4. ^ Il marchese ebbe come insegna uno scudo «di rosso a tre pali d'argento» ricordata anche da Dante nella Divina Commedia, canto XVI del Paradiso.
  5. ^ Voce "Arezzo" su Sito web Flag of the World
  6. ^ Voce "Siena" su Sito web Flag of the World
  7. ^ Thomas Ussher
  8. ^ Neil Campbell

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Artusi, Franco Cardini, Ugo Barlozzetti, Alessandro Savorelli, La bella insegna. Il vessillo del Marchese Ugo e l'araldica toscana, Semper Editrice, Firenze 2004
  • Vieri Favini, Alessandro Savorelli, Segni di Toscana. Identità e territorio attraverso l'araldica dei comuni: storia e invenzione grafica (secoli XIII-XVII), Le Lettere, Firenze 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]