Simboli della Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della Regione Calabria

Lo stemma della Regione Calabria e il gonfalone della Regione Calabria sono i simboli della regione; essi sono stati approvati ed adottati in versione definitiva con Legge Regionale del 15 giugno 1992, n. 6[1]. Esiste anche una bandiera anche se essa non è ancora ufficialmente regolamentata.

Lo Stemma racchiude in cornice ovale quattro dei simboli che rappresentano la Calabria: il pino laricio, il capitello dorico, la croce bizantina e la croce potenziata.

Il Gonfalone ha lo sfondo di colore blu, con la scritta "Regione Calabria" in colore oro e reca al centro lo stemma sopra descritto. Ha una foggia regolare movimentata alla base da una doppia curvatura, prima concava e poi convessa.

Descrizione e significato[modifica | modifica wikitesto]

Gonfalone della Regione Calabria

Lo Stemma della Regione Calabria è racchiuso in una cornice ovale, è inquartato in croce di Sant'Andrea, con le seguenti figure disposte con riferimento a chi le guarda:

  1. Nel quarto in alto una silhouette stilizzata di pino laricio, poggiante su una linea dritta. Albero tipico delle foreste della Sila (così come il pino loricato lo è di quelle del Pollino), rappresenta le bellezze naturali della Calabria.
  2. Nel quarto in basso una colonna con capitello dorico, poggiante su una linea ondulata. Simboleggia la splendida età della Magna Grecia e la sua eredità.
  3. Nel quarto di sinistra la croce bizantina (più corretto sarebbe pomata). Ricorda il lungo periodo in cui la Calabria ha fatto parte dell'impero bizantino e rappresentato, insieme alla Puglia, un ponte tra Occidente ed Oriente.
  4. Nel quarto di destra una croce potenziata; presente sia nello stemma della Calabria Citra (anche Calabria Citeriore) che in quello della Calabria Ultra (anche Calabria Ulteriore) dal tempo dei Normanni ricorda il valore dei dodicimila Crociati calabresi che, sotto la guida di Boemondo Duca di Calabria, combatterono per la liberazione del Santo Sepolcro durante la prima crociata, infatti è (se "ricrocettata" e con altre quattro croci più piccole in ogni angolo) simbolo del regno di Gerusalemme. Questo simbolo è anche presente negli stemmi delle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria e Vibo Valentia.[2]

I colori delle singole raffigurazioni sono:

  • verde in campo d'oro per il pino;
  • azzurro in campo d'oro per la colonna;
  • nero in campo d'argento per le due croci.

La Calabria è stata l'ultima regione italiana ad adottare un proprio emblema.

La bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera della Regione Calabria

La bandiera della regione Calabria fu preparata su richiesta del presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro che in occasione del 4 novembre 1995 (giornata delle Forze Armate) volle esibire in una sala del Quirinale le bandiere delle regioni italiane; ciò costrinse molte amministrazioni regionali che ne erano sprovviste, tra cui quella calabrese, ad approntarne un esemplare.[3] Essa non è perciò ancora ufficialmente regolamentata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adozione dello stemma e gonfalone della Regione Calabria ai sensi dell'art. 2, ultimo comma dello Statuto. (Pubbl. in Boll. Uff. 19 giugno 1992, n. 77)
  2. ^ La Regione Calabria, n. 4-5, p. 44
  3. ^ Bandiere delle regioni

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stemma e gonfalone, è la volta buona?, in La Regione Calabria, n. 1-2, gennaio-febbraio 1992, p. 45.
  • Approvata la legge per lo stemma e il gonfalone della Regione, in La Regione Calabria, n. 4-5, aprile-maggio 1992, pp. 44-45.
  • Aldo Ziggioto, Calabria, in Vexilla italica, n. 1, XX, gennaio-febbraio 1993, pp. 3-5.
  • Enzo Laganà, Gabriella Catalano, Calabria. Stemmario civico. Con schede storiografiche di tutti i Comuni della regione, Reggio Calabria, Iiriti editore, 2010, ISBN 978-88-6494-017-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]