Bandiera della Repubblica Centrafricana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drapeau de la République Centrafricaine
Bendêre tî Bêafrîka
Drapeau de la République CentrafricaineBendêre tî Bêafrîka
Proporzioni2:3
Simbolo FIAVBandiera nazionale
ColoriRGB

     (R:0 G:48 B:130)

     (R:255 G:255 B:255)

     (R:40 G:151 B:40)

     (R:255 G:206 B:0)

     (R:210 G:16 B:52)

UsoBandiera civile e di stato
Tipologianazionale Bandiera normale o bandiera di diritto
Adozione1º dicembre 1958
NazioneRep. Centrafricana Repubblica Centrafricana
Altre bandiere ufficiali
Stendardo del Presidentebandiera Stendardo del Presidente Bandiera di stato e bandiera navale di stato Bandiera normale o bandiera di diritto 5:6

La bandiera della Repubblica Centrafricana è stata adottata il 1º dicembre 1958.

Aspetto e cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Essa è composta da quattro bande orizzontali in blu, bianco, verde e giallo (partendo dall'alto), e da una banda verticale rossa che attraversa la bandiera a metà della lunghezza. Sulla banda orizzontale blu, dalla parte del pennone, è presente una stella gialla a cinque punte. La bandiera venne disegnata da Barthélemy Boganda, il primo presidente del territorio autonomo di Oubangoui-Chari, che era convinto che "Francia e Africa dovessero marciare assieme". Per questo combinò il rosso, bianco e blu del tricolore francese e i colori panafricani (rosso, giallo e verde). Il rosso simboleggia il sangue del popolo, versato per ottenere l'indipendenza, e che è disposto a versare per proteggere la nazione. Il blu rappresenta il cielo e la libertà. Il bianco rappresenta la pace e la dignità. Il verde simboleggia speranza e fede. Infine il giallo rappresenta la tolleranza.

Tra il 1976 e il 1979, a seguito della trasformazione in senso monarchico dello stato voluta da Jean-Bedel Bokassa, la bandiera, senza alcuna modifica, fu il vessillo dell'Impero Centrafricano.

Altre bandiere[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia