Stemma della Repubblica Centrafricana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della Repubblica Centrafricana
Coat of arms of the Central African Republic.svg
Zo Kwe Zo - Unité, Dignité, Travail

Lo Stemma della Repubblica Centrafricana (in francese Armoiries de la Centrafrique) è il simbolo araldico ufficiale del paese africano. Introdotto nel 1958, venne successivamente modificato nel 1963.

Il primo stemma del 1958 consisteva in un semplice scudo francese moderno con i colori della bandiera nazionale disposti verticalmente.

Nel 1963 lo stemma venne modificato con un disegno più complesso: uno scudo inquartato raffigurante nel primo cantone una testa di elefante su sfondo verde, nel secondo un albero su sfondo bianco, nel terzo tre stelle su sfondo oro e nel quarto una mano rossa che tesa verso il centro su sfondo blu. Al centro dello scudo, incastonato tra i quattro cantoni, è riportato il simbolo del partito MESAN: uno scudo rosso contenente un disco bianco, su cui è raffigurata una mappa dell'Africa in nero, con sovrapposta una stella dorata. Ai lati dello stemma si trovano due bandiere nazionali inclinate verso l'esterno, mentre a coronamento del tutto c'è un sole nascente contenente la data 1º dicembre 1958 (giorno dell'indipendenza del paese). Al di sotto dello stemma si trova la medaglia dell'Ordre du Mérite centrafricain (principale onoreficenza nazionale) ed un cartiglio riportante il motto Unité, Dignité, Travail (Unità, Dignità, Lavoro); in alto invece un altro cartiglio riporta la scritta ZO KWE ZO (in lingua sango Tutte le persone sono persone, liberamente traducibile come tutti gli uomini sono uguali).

Tra il 1976 e il 1979, a seguito della modifica in senso monarchico della forma dello stato voluta da Jean-Bedel Bokassa, l'emblema fu sostituito dallo stemma dell'Impero Centrafricano. Caduto Bokassa, lo stemma repubblicano venne ripristinato.

Emblemi storici[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica