Arteria poplitea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Arteria poplitea
Gray551.png
(Dall'alto in basso) Arteria poplitea, arteria tibiale posteriore e arterie peroniere
Anatomia del Gray (EN) Pagina 632
Nome latino arteria poplitea
Sistema Apparato circolatorio
Origine Arteria femorale
Rami collaterali Arterie surali
Arterie articolari superiori del ginocchio
Arteria articolare media
Arterie articolari inferiori del ginocchio
Rami terminali Arteria tibiale anteriore
Arteria tibiale posteriore
Vena Vena poplitea
Identificatori
MeSH A07.231.114.681
TA A12.2.16.033
FMA 77155

L'arteria poplitea è il continuo dell'arteria femorale. Se il ginocchio è flesso ha decorso sinuoso, invece se il ginocchio viene teso risulta retta.

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

Si estende dal termine del canale degli adduttori fino all'arcata tendinea del muscolo soleo. A questo livello stacca i suoi rami terminali: le arterie tibiale anteriore e tibiale posteriore.

Decorre nella parte posteriore del ginocchio, tra i muscoli semimembranoso e bicipite femorale.

Rapporti[modifica | modifica wikitesto]

Anteriormente:

  • Piano popliteo del femore
  • Capsula articolare del ginocchio

Posteriormente:

  • Muscolo semimembranoso (superiormente)
  • Muscolo plantare (inferiormente)
  • Muscolo gastrocnemio (inferiormente)

Lateralmente:

  • Muscolo bicipite femorale
  • Condilo laterale del femore
  • Vena popolitea
  • Nervo tibiale

Medialmente:

  • Muscolo semimembranoso (superiormente)
  • Condilo mediale del femore
  • Muscolo gastrocnemio (inferiormente)
  • Vena popolitea
  • Nervo tibiale

La vena poplitea, all'origine, è posta dietro e all'esterno dell'arteria omonima, ma distalmente si trova sul suo lato interno. Il nervo tibiale è separato dai vasi, prossimalmente, da tessuto adiposo. Il fascio vascolonervoso è avvolto da una spessa guaina connettivale intorno alla quale sono presenti alcuni linfonodi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, et al., Trattato di anatomia umana, vol. 1, 4ª ed., Milano, Edi.Ermes, 2006, p. 567, ISBN 88-7051-285-1.
Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia