Aorta toracica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aorta toracica
Gray530.png
Aorta toracica vista da sinistra.
Anatomia del Gray subject #153 598
Sistema Apparato circolatorio
Irrora Strutture toraciche parietali
Bronchi
Polmoni
Esofago
Linfonodi
Pericardio
Origine Arco aortico
Rami collaterali Arterie bronchiali
Arterie pericardiche
Arterie medistiniche
Arterie esofagee
Arterie intercostali posteriori
Arterie freniche superiori
Rami terminali Aorta addominale
MeSH Aorta,+Thoracic
A07.231.114.056.372

L'aorta toracica rappresenta la porzione prossimale dell'aorta discendente. Attraversa il torace decorrendo lungo il mediastino posteriore; fa seguito all'arco aortico a livello del margine sinistro inferiore della 4ª vertebra toracica e si continua nell'aorta addominale a livello della 12ª vertebra toracica (orifizio aortico del diaframma).

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

L'aorta toracica contrae rapporti con le strutture mediastiniche e toraciche. Posteriormente è in contatto con la vena emiazigos e la colonna vertebrale. A destra, nella sua porzione superiore, entra in contatto con la parete sinistra dell'esofago. Quest'ultimo, con un andamento sigmoideo, scavalca l'aorta toracica portandosi al suo davanti nelle porzioni inferiori. Nella porzione antero-superiore è in contatto con il peduncolo polmonare sinistro e con il pericardio che ricopre l'atrio sinistro. A sinistra entra in rapporto con la pleura mediastinica che ricopre il polmone di sinistra, sul quale lascia un'impronta. Attraversa l'orifizio aortico del diaframma affiancandosi al dotto toracico.

Rami principali[modifica | modifica wikitesto]

I rami che originano dall'aorta toracica vengono comunemente divisi in rami parietali e in rami viscerali. Mentre i rami parietali irroraro le strutture muscolo-scheletriche del torace, i rami viscerali irrorano gli organi e le strutture tissutali contenute nel torace.

Rami parietali[modifica | modifica wikitesto]

I rami parietali sono:

Rami viscerali[modifica | modifica wikitesto]

I rami viscerali sono:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe C. Balboni, et al., Anatomia Umana, Vol. 1-2., Ristampa 2000, Milano, Edi. Ermes s.r.l., 1976, ISBN 88-7051-078-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]