Aorta addominale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aorta addominale
Gray531.png
Anatomia del Gray(EN) Pagina 602
Nome latinoaorta abdominalis e pars abdominalis aortae
SistemaApparato circolatorio
Origineaorta toracica
Rami collateraliarterie iliache comuni destra e sinistra, arteria celiaca, arteria mesenterica superiore, arteria mesenterica inferiore, arteria renale,
Rami terminaliarteria sacrale mediana
Identificatori
MeSHA07.231.114.056.205
TAA12.2.12.001
FMA3789

L'aorta addominale fa parte dell'aorta discendente, fa seguito all'aorta toracica e decorre parallelamente e a sinistra della vena cava inferiore. É l' arteria più e grande della regione topografica addominale.[1]

L'aorta addominale emette una serie di piccoli rami:

Topografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a livello del corpo della XI vertebra toracica, a volte un po' inferiormente (dal corpo della XII vertebra toracica); termina a livello del corpo della quarta vertebra lombare o nel disco intervertebrale sottostante, dove si biforca nelle due arterie iliache comuni.

Durante il suo decorso si applica nel connettivo retroperitoneale della fascia extraperitoneale dell'addome, molto denso in avanti e sui lati. In questo ambiente connettivale sono disseminati diversi linfonodi dell'addome.

Posteriormente l'aorta addominale si pone a ridosso dei corpi vertebrali e più precisamente:

La sua faccia posteriore incrocia le vene lombari di sinistra e contrae rapporto con il dotto toracico e le sue radici.

Anteriormente l'arteria è circondata da filuzzi nervosi appartenenti ai plessi celiaco e aortico del sistema simpatico. Contrae rapporti inoltre con:

La sua faccia destra ha rapporto con:

A sinistra ha rapporti con:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia
  1. ^ Christie Lech e Anand Swaminathan, Abdominal Aortic Emergencies, in Emergency Medicine Clinics of North America, vol. 35, nº 4, 2017-11, pp. 847–867, DOI:10.1016/j.emc.2017.07.003. URL consultato il 6 luglio 2018.