Arteria epigastrica inferiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.


Arteria epigastrica inferiore
Gray547.png
Arteria epigastrica inferiore e rapporti con la parete addominale
Anatomia del Gray subject #156 623
Sistema Apparato circolatorio
Origine arteria iliaca esterna
Rami terminali anastomosi con l'arteria epigastrica superiore
Vena epigastrica inferiore

Nell'anatomia umana, l'arteria epigastrica inferiore è un'arteria dell'addome che nasce dalla arteria iliaca esterna e si anastomizza con l'arteria epigastrica superiore. Lungo il suo decorso si accompagna alla vena relativa, la vena epigastrica inferiore.

Decorso[modifica | modifica sorgente]

Il vaso prende origine dall'arteria iliaca esterna, subito al di sopra del legamento inguinale. Si porta in avanti nel tessuto sottoperitoneale, quindi si dirige verso l'alto, obliquamente contornando il margine mediale dell'anello inguinale addominale fino a raggiungere la faccia inferiore del muscolo retto dell'addome. Il sollevamento del peritoneo parietale, dovuto al decorso del vaso, determina la formazione della piega ombelicale laterale, separante la fossetta inguinale laterale da quella mediale. L'arteria continua il suo decorso verso l'alto, attraversa la fascia trasversale e transita davanti alla linea arcuata. Infine ascende tra il muscolo retto addominale, faccia posteriore, e la lamina posteriore della sua guaina.

Nella parte terminale il vaso si suddivide in numerosi rami che, decorrendo nel sottocute della parte addominale, vanno ad anastomizzarsi, attorno all'ombelico, con l'arteria epigastrica superiore, ramo dell'arteria toracica interna, e con le arterie intercostali inferiori.

Come già detto, poco dopo aver preso origine al di sopra del legamento inguinale, l'arteria si dirige obliquamente e verso l'alto: in questa zona si trova a giacere lungo i margini inferiori e mediale dell'anello inguinale addominale, e dietro l'inizio del funicolo spermatico. L'arteria, nel punto in cui si trova a transitare in prossimità dell'orifizio addominale del canale inguinale, viene ad incrociarsi con i vasi testicolari ed il condotto deferente (nel maschio), e con il legamento rotondo dell'utero (nella donna).

Collaterali e terminali[modifica | modifica sorgente]

  • Arteria cremasterica: è l'arteria che, nel maschio, decorre con il funicolo spermatico nel canale inguinale. L'arteria si distribui­sce alle pareti del funicolo ed al muscolo cremastere.
  • Arteria del legamento rotondo: nella femmina è l'arteria analoga a quella sopra descritta. Il vaso decorre con il legamento rotondo nel canale inguinale.
  • Ramo Pubico: questo vaso viene ad anastomizzarsi con il ramo pubico proveniente dall'arteria otturatoria.
  • Rami muscolari e cutanei: si suddividono in arteriole destinate al muscolo retto addominale e alla cute. Questi rami si anastomizzano con vasi analoghi provenienti dall'arteria epigastrica superiore (a sua volta ramo dell'arteria toracica interna) e dall'epigastrica su­perficiale (ramo dell'arteria femorale).

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

ISBN 88-705-1285-1 Giuseppe Anastasi, Giuseppe Balboni, Pietro Motta, Trattato di Anatomia umana., Milano, Edi-ermes, 2006.