Angelo Biancini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Biancini

Angelo Biancini (Castel Bolognese, 24 aprile 1911Castel Bolognese, 3 gennaio 1988) è stato uno scultore e insegnante italiano.

L'albero della vita, scultura di Angelo Biancini, part.
Angelo Biancini, Il Carmelo,(Vatican, Modern Religious art)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1929 Angelo Biancini s'iscrisse all'Istituto d’Arte di Firenze ed ebbe come maestro Libero Andreotti che raccomandava sempre ai suoi allievi di confrontarsi sempre con la natura e di non perdersi in inutili virtuosismi formali. Biancini trovò uno studio in un ex convento e lì si dedicò prima alla maiolica, quindi alla modellatura e alla scultura. Nel 1934, con la Lupa vinse la sezione Scultura ai Littoriali dell'Arte che si tennero a Roma ed eseguì un ritratto di donna - ora alla Pinacoteca comunale di Faenza - identificabile nella stessa persona ritratta l'anno dopo, nel bronzo Donna romagnola. La giovane era sua moglie Dina, i cui tratti idealizzati si ritrovano anche nella Preghiera e nella Fede del 1937, e nella Vittoria Alata del Monumento ai caduti di Lavezzola, del 1936.

Nel 1934 Angelo Biancini ottenne la Licenza di Maestro d'Arte, nella sezione Scultura decorativa, presso l'Accademia di Firenze ed espose alla Biennale di Venezia il bronzo a cera persa La Luzcha. Con oggetti, realizzati su suo disegno, prese parte alla VI Triennale di Milano. Realizzò nel 1935 la statua Atleta vittorioso per il Foro Mussolini (oggi Stadio dei Marmi) a Roma, dove nel 1935 espose alla II Quadriennale d'Arte Nazionale. Nel 1937 realizzò due gruppi scultorei per il Ponte delle Vittorie, a Verona.

Gaetano Ballardini lo aiutò a trasferirsi a Laveno dove, dal 1937 al 1940, Biancini collaborò con Guido Andlovitz, direttore artistico dell'azienda, formando i ceramisti ed eseguendo sculture in ceramica per rilanciare il nome della Società Ceramica Italiana, che nel 1940 vinse il Gran Premio per le Ceramiche artistiche, alla Triennale di Milano.[1]

Nel 1942 Biancini insegnò all'Istituto d'Arte per la Ceramica di Faenza e nel dopoguerra subentrerà a Domenico Rambelli, nella cattedra di Plastica, che manterrà fino all'età della pensione. Accanto all'attività didattica, Biancini continuava quella artistica. Nel 1943, a una personale, organizzata nell'ambito della Quadriennale Romana, ottenne il premio "Nazionale". Nel 1946 ricevette il Premio "Faenza" con Annunciazione, un grande pannello in ceramica, smaltato da Anselmo Bucci. Otterrà identico riconoscimento nel 1957, con il bassorilievo Gesù tra i dottori.

Allestimento in occasione del centenario della nascita di Angelo Biancini

Nel dopoguerra Biancini è stato presente alla grande mostra della Scultura italiana, organizzata dalla Galleria La Spiga di Milano nel 1946; nel 1948 la Galleria Cairola gli ha organizzato una personale, presso la Galleria dell'Illustrazione Italiana a Milano, con 36 opere tra gessi, ceramiche, bronzi. Ricevette le lodi del critico d'arte Leonardo Borgese. Seguì la personale del 1956, alla Galleria San Fedele, dove Biancini presentò 50 sculture.

Al Palazzo Esposizioni di Milano Biancini vinse il Bagutta per la Scultura, nel 1961; nello stesso anno è stato premiato per il bronzo San Giovanni nel deserto, alla Mostra Internazionale di Arte Sacra di Trieste, premio che vincerà nuovamente, nel 1963, con Il Pastore Sacro. Si fece notare a Padova, alla Mostra Internazionale del bronzetto, nel 1963. Tra le sue opere monumentaliː i rilievi per la nuova Basilica di Nazareth del 1959, il baldacchino del Tempio dei Martiri Canadesi a Roma del 1961 e le sculture per l'Ospedale Maggiore di Milano del 1964.

Il loggiato in occasione del centenario della nascita di Angelo Biancini
Monumento a Don Minzoni, Argenta

Eseguì sculture anche per la Chiesa dell'Autostrada del Sole allo svincolo di Firenze, per l'Hospitium di Camaldoli e per la FAO a Roma. Tra le opere scultoree in memoriam si ricordano il monumento alla Resistenza di Alfonsine del 1972, quello dedicato ad Alfredo Oriani a Casola Valsenio del 1963, il monumento a Grazia Deledda a Cervia del 1956, quello ad Angelo Celli a Cagli del 1958, quello a Don Minzoni ad Argenta del 1973, ed infine il sarcofago della venerabile Benedetta Bianchi Porro, a Dovadola, nell'Appennino forlivese.

A Roma, a Palazzo Braschi, è stata organizzata nel 1973 una panoramica completa dei suoi bronzi e nello stesso periodo gli fu dedicata una sala personale, nella Collezione d'Arte Religiosa Moderna dei Musei Vaticani. Nel 1980 il Comune di Faenza gli conferì la medaglia d'oro, la cittadinanza onoraria e allestì una grande antologica, dove furono esposte 150 sue sculture. In quella stessa occasione egli donò alla città di Faenza tre sue opere scultorie: un San Tomaso d'Aquino, un ritratto di Alfredo Oriani, e un busto del pittore Roberto Sella. Dopo la morte dell'artista, la città di Faenza gli ha dedicato nel 1988 un'altra antologica, con sculture e con ceramiche.

Sculture di Biancini in Vaticano[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Biancini è presente nella Collezione d'Arte Religiosa Moderna con queste sculture:

  • Angeli, 1972, bronzo
  • Gesù al Tempio, 1965, ceramica
  • Il Carmelo, 1968, ceramica
  • Tempesta sedata, 1965, ceramica
  • S. Giovanni Evangelista, 1968, ceramica
  • S. Giovanni Battista, 1958, ceramica
  • Annunciazione, 1963, ceramica
  • Ultima Cena, 1962, ceramica
  • Paolo VI e Atenagora, 1970, ceramica
  • Storia di S. Paolo1967, 12 ceramiche

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Ascendenze "primitive" (l'arte alto medioevale soprattutto, ma anche la sensibilità decisamente cubo-futurista nel sommuovere personaggi e dettagli figurativi) si riscontrano in modo più accentuato nel romagnolo Angelo Biancini (Castel Bolognese, 1911), uno dei più estrosi e affascinanti "narratori in ceramica" del nostro tempo [...] la cui "grafia" bizzantineggiante e il gusto decorativo della materia (intesa anche come colore) approdano a risultati di vera e propria scultura ed a una espressività a metà tra la favola e la più schietta e anche burbera umanità.» Fallani, p. 88.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Fallani, Valerio Mariani, Giorgio Mascherpa, Collezione vaticana d'arte religiosa moderna, Milano, Silvana Editoriale d'arte, 1974, pp. 88, ill. 11 e 301-309, SBN IT\ICCU\SBL\0571031.
  • Vittorio Sgarbi (a cura di), Scultura italiana del primo Novecento, Bologna, Grafis Edizioni, 1993, pp. 46-47, SBN IT\ICCU\CFI\0264302.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30335338 · ISNI (EN0000 0000 6676 2017 · SBN IT\ICCU\RAVV\021005 · GND (DE118901974 · ULAN (EN500011011