Andrea Poggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Poggi
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Sambonifacese
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Giovanili
1983-1986 Torino
Squadre di club1
1986-1987 Torres 30 (0)
1987-1988 Reggiana 20 (1)
1988-1989 Cosenza 20 (1)
1989-1993 Venezia 141 (4)
1993-1994 Atalanta 14 (0)
1994-1995 Cosenza 25 (0)
1996-1998 Caerano 57 (6)
Carriera da allenatore
199?-200? Torino Giovanili
2001-2004 600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg San Polo di Piave
2004-2007 Celeste e Bianco.svg Casalserugo
2007-2008 Rosso e Blu.svg Vigontina
2008-2009 Albignasego
2009-2010 Rosso e Blu.svg Vigontina
2013 600px Yellow HEX-FED10A Green HEX-058B05.svg Caldiero Terme
2013- Sambonifacese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 agosto 2014

Andrea Poggi (Montignoso, 31 luglio 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico della Sambonifacese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocava nel ruolo di terzino. Cresciuto nel Torino, inizia la carriera professionistica nella Torres con cui vince subito il campionato di serie C2. Con la squadra sarda, in cui milita anche un giovanissimo Gianfranco Zola, resta una sola stagione in cui totalizza 30 presenze senza segnare mai. L'anno dopo gioca in serie C1 con la Reggiana mettendo a segno un gol in 20 presenze. Nel 1988-89 debutta in serie B con il Cosenza, guidato da Bruno Giorgi nelle cui fila militano pure i vari Michele Padovano, Alberto Urban e Giorgio Venturin. Con la squadra rossoblu disputa 20 partite e segna un gol con un gran tiro dal limite (contro il Messina al San Vito). Nonostante il buon campionato disputato nella compagine calabrese, l'anno dopo riparte dalla C1, vestendo la maglia del Venezia con cui gioca quattro stagioni e mezzo, due di C1 (con una promozione ottenuta nell'annata 1990-91) e tre di B. Nella formazione lagunare gioca con grande continuità andando via a novembre del 1993 dopo aver messo a segno 4 reti in 141 partite di campionato. La sua carriera infatti arriva ad una svolta importante poiché lo ingaggia l'Atalanta dell'emergente tecnico Cesare Prandelli che lo fa esordire in serie A. Con i nerazzurri scende in campo in 14 occasioni terminando il campionato 1993-94 con una brutta retrocessione. L'anno seguente torna a giocare nel Cosenza, disputando 25 partite tra i cadetti, ma a fine stagione non viene riconfermato. La sua carriera tra i professionisti finisce qui. Successivamente continuerà a giocare nel Caerano, club veneto dilettantistico.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 al 2010 ha allenato San Polo di Piave, Casalserugo, Vigontina e Albignasego[1].

Nel febbraio 2013 ha sostituito Patrizio Minozzi alla guida del Caldiero Terme in Eccellenza.

Dal dicembre 2013 è alla guida della Sambonifacese in Serie D.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torres: 1986-1987

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista ad Andrea Poggi[collegamento interrotto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]