Am-lira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Am-lira
fuori corso
Nome localeAm-lira
1 AM Lire 1943.jpg
10 AM Lire 1943a.jpg
StatiItalia Italia:

Italia AMGOT (1943-1945)
Territorio Libero di Trieste Territorio Libero di Trieste (1945-1954)

Banconote1, 2, 5, 10, 50, 100, 500, 1000 L.
Entità emittenteComando militare alleato
Periodo di circolazione9 luglio 1943 - 3 giugno 1950
Sostituita daLira italiana dal 3 giugno 1950*
Tasso di cambio1 ITL = 1 AM-Lira (8 settembre 1943)
Agganciata aDollaro statunitense

1 USD = 100 ITL

*26 ottobre 1954 per il Territorio Libero di Trieste (Zona A)
Lista valute ISO 4217 - Progetto Numismatica

L'Am-lira è stata la valuta che l'AMGOT mise in circolazione in Italia dopo lo sbarco in Sicilia avvenuto nella notte tra il 9 e 10 luglio del 1943.

Il valore era di 100 "am-lire" per un dollaro degli Stati Uniti. Totalmente intercambiabile con la normale lira italiana per decisione militare, contribuì alla pesante inflazione che colpì l'Italia verso la fine della Seconda guerra mondiale.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

5 AM Lire 1943.jpg

Lo studio di cartamoneta specifica per l'Italia iniziò nel luglio 1942. La prima emissione (serie 1943) fu stampata dalle tipografie del Bureau of Engraving and Printing (BEP, autore anche dei disegni modello)[3] e della Forbes Lithograph Corporation (FLC), il valore veniva espresso solo con cifre numeriche e in italiano, e fu frettolosa e grossolana. Il 13 luglio 1943 sulle banconote furono stampate le scritte LIRA o LIRE e ISSUED IN ITALY, in precedenza omesse per non far trapelare a quale paese le banconote erano destinate.[3]

Con la prima serie furono emessi i tagli da 1 a 1000 lire; i biglietti da 1, 2, 5 e 10 lire avevano forma quasi quadrata, i tagli superiori da 50, 100, 500 e 1000 lire di forma rettangolare, dello stesso formato dei dollari.

5 AM Lire 1943a.jpg

La seconda emissione (serie 1943A) fu stampata solo dalla FLC, e venne aggiunta l'indicazione in lettere (in italiano ed in inglese) del valore. A causa dell'inflazione galoppante non furono ristampati i biglietti da 1 e 2 lire, il cui basso valore non interessava alle autorità alleate.

Per la stampa fu scelto il metodo litografico con «inchiostri spettrali ad alta specificità» e come materiali la carta da stracci. Tutto ciò avrebbe dovuto renderne molto difficile la contraffazione. Ciononostante, quello della falsificazione delle am-lire fu un fenomeno molto vasto, si andò dalle contraffazioni più rozze, ad altre difficilmente distinguibili anche dai più esperti.[3]

Tutti i biglietti riportano sul retro, in inglese, le quattro libertà sancite nella costituzione degli Stati Uniti: freedom of speech (libertà di parola), freedom of religion (libertà di religione), freedom from want (libertà dal bisogno), freedom from fear (libertà dalla paura).

L’armistizio di Cassibile obbligò il governo italiano legittimo a riconoscere questa valuta di occupazione, col tasso di cambio estremamente punitivo imposto dalle nazioni vincitrici, più del quintuplo di quello di mercato.[4] I cittadini e le banche italiane furono obbligati ad accettare allo stesso cambio dai soldati alleati anche le banconote in dollari,[5] come pure quelle in sterline.[6]

Con la proclamazione della repubblica nel 1946 cessarono di essere moneta di occupazione in quanto venne permesso alla lira di tornare a fluttuare liberamente sul mercato dei cambi,[7] ma continuarono ad essere usate insieme alle banconote normali e alle nuove monete di alluminio sino al 3 giugno 1950, e sino alla sua restituzione all’Italia nel 1954 a Trieste.

In totale furono stampate 917,7 milioni (pezzi) di Am-lire, pari a 167 miliardi di lire, per un peso di 758 tonnellate, che furono spedite in Italia in 23.698 casse. Il primo invio, 7 tonnellate di carta moneta, ebbe luogo il 19 luglio 1943 su due aerei da carico; l'ultimo invio fu effettuato il 17 aprile 1945.[3]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Dollari "timbro giallo"[modifica | modifica wikitesto]

I tagli in dollari posti in corso forzoso in Italia furono tre, gli stessi imposti in Marocco, Algeria e Tunisia. Il bollino giallo era irrilevante per i cittadini americani, ma serviva per rendere le banconote prive di valore qualora fossero entrate in possesso di cittadini tedeschi o di paesi controllati dai nazisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raffaele Lemme (a cura di), Le case degli italiani. I palazzi del potere. Gli edifici storici e moderni per le istituzioni dello stato, Roma, Gangemi Editore, 2011, ISBN 978-88-492-4743-5.
  2. ^ Epicarmo Corbino, Un liberista scomodo, Napoli, Think Thanks, 2009, p. 92, ISBN 978-88-96367-01-8.
  3. ^ a b c d Cronaca Numismatica
  4. ^ Bando del re Vittorio Emanuele III del 24 settembre 1943. Lo stesso giorno, a Roma sotto la tutela tedesca, il ministero del Tesoro registrò un cambio di mercato di 19 lire per un dollaro, 76 lire per una sterlina.
  5. ^ Le banconote dell’epoca erano quelle da 1$, 5$ e 10$, come detto da accertarsi per 100, 500 e 1000 lire.
  6. ^ Tenendo conto che all’epoca il cambio fra dollaro e sterlina era di quattro a uno, rientrarono nella misura le banconote da ½£ e 1£, da accettarsi per 200 e 400 lire. [1] [2]
  7. ^ Per quanto sopra detto, il valore iniziale con cui la lira fu riammessa al mercato mondiale dei cambi fu quello del centesimo di dollaro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rubrica Lo sapevate che..., Cronaca Numismatica, nº 198, luglio/agosto 2007, Editoriale Olimpia, pag. 31

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]