500 lire (moneta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
500 lire
Valore 500 lire italiane
Massa 6,8 g
Diametro 25,8 mm
Composizione acmonital - bronzital
Anni di coniazione 1982-2001
Dritto
Dritto
Disegno Repubblica
Incisore Laura Cretara
Rovescio
Rovescio
Disegno Quirinale e statue del Dioscuri Intorno: ramo di ulivo e spiga di grano
Incisore Laura Cretara

Le monete da 500 lire italiane sono state coniate dal 1958 fino al 2001, anno in cui la lira italiana è stata sostituita dall'euro. Negli anni sono state coniate monete d'argento (1958-1967) e monete bimetalliche (1982-2001).

Oltre alle monete normalmente in circolazione sono state coniate anche molte monete in argento, emesse appositamente per i collezionisti.

Argento[modifica | modifica sorgente]

Le repubblica italiana ha emesso tramite la zecca di Roma monete d'argento da 500 lire a partire dal 1958 e fino al 1967.

I tipi emessi sono stati tre, normalmente denominati "Caravelle", Unità d'Italia" e "Dante".

Tutte queste monete d'argento hanno un diametro di 29 mm, un peso di 11 g ed il titolo è di 835/1000.

Dopo il 1967 il costo delle monete d'argento e la presenza di fenomeni di tesaurizzazione, sconsigliò il proseguimento di questo tipo di coniazione che terminò.

Monete d'argento del tipo "Caravelle" e con molti altri tipi furono comunque coniate appositamente per il mercato dei collezionisti e vendute dalla zecca a prezzo maggiore di quello nominale.[senza fonte]

Caravelle[modifica | modifica sorgente]

500 lire argento, "Caravelle"
500L 1960fr.JPG
Busto femminile a sinistra; intorno 19 stemmi civici. Tre caravelle volte a destra, intorno "REPVBBLICA ITALIANA"
Nel contorno, in rilievo: "REPVBBLICA ITALIANA" e la data di conio.
500 lire argento unità d'Italia
500L 1961-AnniversarioUnitàItaliafr.JPG
Italia seduta volta a sinistra. Quadriga veloce, volta a sinistra.
Nel contorno: "1° CENTENARIO VNITÀ D'ITALIA - 1861 - 1961" in rilievo

La moneta fu coniata dal 1958 al 1967. Il busto femminile al dritto è di stile rinascimentale e i 19 stemmi sono quelli della città capoluogo regionale dell'epoca (Genova, Torino, Aosta, Milano, Trento, Venezia, Trieste ed Udine, Bologna, Firenze, Ancona, Perugia, Roma, L'Aquila, Napoli, Bari, Potenza, Catanzaro, Palermo, Cagliari). In basso è la legenda GIAMPAOLI, il nome dell'autore, Pietro Giampaoli.

Al rovescio sono raffigurate le tre caravelle in navigazione verso destra, intorno "REPVBBLICA ITALIANA" in basso sono riportati il valore, il segno di zecca (R) e VEROI, l'autore, Guido Veroi.

La prova di questa moneta, tirata in 1004 copie nel 1957, ha le bandiere controvento.

La moneta fu in circolazione fino al 1967. Dopo questa data le monete furono coniate solo per le confezioni destinate ai collezionisti che la zecca mette in vendita annualmente.

Centenario unità d'Italia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1961, in occasione del Centenario dell'Unità d'Italia, è stata emessa una moneta commemorativa da 500 lire con le medesime caratteristiche tecniche del 500 lire "Caravelle". In realtà, pur conservando il millesimo 1961, esse furono coniate anche nel 1962 e 1963, per questo motivo nel '62 e '63 non furono coniate le ordinarie 500 lire "Caravelle".

Al diritto è raffigurata l'Italia seduta su un capitello. Nella mano destra, protesa in avanti, un ramo d'ulivo, nella mano sinistra, un elmo. In giro "REPUBBLICA ITALIANA" ai lati di una stella. Nell'esergo la legenda VEROI, l'autore, Guido Veroi.

Al rovescio una quadriga veloce, volta a sinistra. In alto 1861 ed in basso 1961, il valore e il segno di zecca (R).

Nel contorno è presente la legenda "1° CENTENARIO VNITÀ D'ITALIA - 1861 - 1961" in rilievo

La tiratura complessiva è stata di 27.120.000 esemplari

Dante Alighieri[modifica | modifica sorgente]

500 lire d'argento Dante Alighieri
500L 1965-DanteAlighierifr.JPG
Dante Alighieri a sinistra. Allegoria della Divina Commedia
Nel contorno: 7° CENTENARIO DELLA NASCITA DI DANTE in rilievo.

Nel 1965, in occasione del VII Centenario della nascita di Dante Alighieri, è stata emessa una moneta commemorativa da 500 lire, sempre con le medesime caratteristiche tecniche del 500 lire "Caravelle". A differenza del 500 lire del Centenario dell'Unità, questa moneta è circolata parallelamente al "Caravelle", che per quel millesimo non è quindi stato sospeso. Gli esemplari di prova, che recano tale dicitura al rovescio, sono stati donati ai dipendenti della Zecca.

Al diritto è raffigurato il ritratto di Dante Alighieri. In giro "REPUBBLICA ITALIANA" ai lati di una stella. Sotto, le firme del modellista VERGINELLI, e dell'incisore, MONASSI.

Al rovescio è presente un'allegoria della Divina Commedia, a destra il segno di zecca (R), in esergo indicazione del valore e, più in basso, la data.

Nel contorno è presente la legenda "7° CENTENARIO DELLA NASCITA DI DANTE " in rilievo.

La tiratura complessiva è stata di 5.000.000 esemplari

Monete in oro[modifica | modifica sorgente]

Non esistono emissioni ufficiali in oro. Tuttavia alcune ditte private, anche in collaborazione con l'Istituto Poligrafico dello Stato, hanno prodotto versioni in oro delle 500 lire. Esse, pur presentando un valore facciale non sono da considerarsi monete, ma piuttosto medaglie, poiché non sono emissioni ufficiali dello Stato.

Monete bimetalliche[modifica | modifica sorgente]

500 lire bimetalliche
Italia lire 500.jpg
Personificazione dell'Italia. Piazza del Quirinale.
emissione del 1988

Dal 1982 la zecca inizia a coniare una nuova moneta bimetallica da 500 lire. L'interno è in bronzo (bronzital) mentre l'esterno è in acciaio (acmonital). Il diametro è di 25,8 mm e il peso di 6,8 grammi.

Al dritto è raffigurata la Repubblica, rappresentata da una testa femminile: alle tempie ci sono delle ali che rappresentano l'intelligenza e la libertà. Sotto c'è la legenda L. CRETARA (l'autore Laura Cretara). Intorno è presente una stella e la legenda REPVBBLICA ITALIANA.

Al rovescio è raffigurata la piazza del Quirinale, con il palazzo e le statue dei Dioscuri. In basso simbolo di zecca ("R") e data. Intorno spiga di grano e rami di olivo. Nel giro in basso valore ed in alto valore in alfabeto Braille. Oltre a questa moneta sono state emesse negli anni alcune monete commemorative:

Centenario della Banca d'Italia - 1993. Autori Laura Cretara e Sergio Grossi.
Luca Pacioli - 1994. Autori Laura Cretara e Uliana Pernazza.
70° ISTAT - 1996. Autori Laura Cretara e Claudia Momoni.
50° Polizia di Stato - 1997. Autori Laura Cretara e Maria Carmela Colaneri.
IFAD - 1998. Autori Laura Cretara e Luciana de Simoni.
20° delle elezioni del parlamento europeo - 1999. Autori Laura Cretara e Luciana de Simoni.
500 lire 100 anni Banca d'Italia
Lira italiana commemorativa Banca d'Italia per un valore di 500 Lire .jpg
Logo della Banca d'Italia
emissione del 1993
500 lire 20 anni Parlamento Europeo
Lira italiana commemorativa 20 anni parlamento europeo per un valore di 500 Lire .jpg
Urna e parlamento stilizzati
emissione del 1999

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Pagani, Monete italiane dall'invasione napoleonica ai giorni nostri, 1796-1980. Governi popolari, assedi, occupazioni, Napoleone, Stato pontificio, Regno delle Due Sicilie, napoleonidi, restaurazioni dopo il Congresso di Vienna, moti per l'indipendenza, Regno d'Italia, colonie, Albania, Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano, Repubblica Italiana, Somalia (AFIS). Catalogo contenente la descrizione di 5182 monete e con 1210 illustrazioni. Descrizioni, misure, titoli metallici, gradi di rarità, Milano, M. Ratto numismatica, 1982.
  • Catalogo Alfa delle monete italiane e regioni, 33ª edizione, Torino, Alfa, 2008.
  • Eupremio Montenegro, Manuale del collezionista di monete italiane, 29ª ed., Torino, Edizioni Montenegro, 2008. ISBN 9788888894034.
  • Fabio Gigante, Monete italiane dal '700 all'avvento dell'euro, 21ª ed., Varese, Gigante, 2013. ISBN 9788889805350.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

numismatica Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica