Pietro Giampaoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
5 Lire 1950
Italy 5 Lire 1950.jpg
Testa dell'Italia con torcia; a destra: "REPVBBLICA ITALIANA" Grappolo d'uva tra L. / 5; in basso: data
Medaglista Pietro Giampaoli con Giuseppe Romagnoli
500 lire "Caravelle"
Italia 500 lire.JPG
Tre caravelle verso destra, intorno "REPVBBLICA ITALIANA" in basso il valore, il segno di zecca (R) e <smallVEROI. > Busto femminile di stile rinascimentale contornato dagli stemmi di 19 città italiane. In basso GIAMPAOLI.
AG 835/1000; 29 mm, 11 g

Pietro Giampaoli (Urbignacco di Buja, 13 febbraio 1898Roma, 27 febbraio 1998) è stato un incisore e medaglista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soldato nella prima guerra mondiale, fu fatto prigioniero e deportato in Ungheria. Qui, da un altro prigioniero russo, apprese i primi rudimenti dell'arte incisoria.

Rientrando in Italia, nel 1920 intraprese studi d'arte all'Accademia di Brera.

Stabilitosi quindi a Roma iniziò l'arte dello scultore e dell'incisore, con talento e capacità, tanto da essere nominato nel 1936 incisore capo presso la Zecca di Stato.

Fu maestro dei fratelli incisori Celestino Giuseppe Giampaoli e Vittorio Giampaoli che lo raggiunsero a Roma prendendo dimora nella Torre dei Capocci. Anche Guerrino Mattia Monassi, capo incisore alla Zecca di Stato dal 1963, fu a bottega con lui a Roma dal 1934.

Sono suoi i conii di gran parte delle monete italiane, da solo o con Giuseppe Romagnoli: dalla serie completa del 1946 (1, 2, 5, 10, 50 e 100), alla moneta da 20 lire emessa dal 1956.

La sua moneta più apprezzata è stata la moneta d'argento da 500 lire di cui incise il conio del dritto con un busto muliebre in stile rinascimentale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Vittoria Masutti (a cura di), Pietro Giampaoli Medaglista - Catalogo della mostra organizzata dal Comune di Buja dal 17 maggio al 15 giugno 1986. Udine, Comune di Buja, 1986

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN77447816 · LCCN: (ENn2011065574 · SBN: IT\ICCU\CFIV\020073 · ISNI: (EN0000 0000 6160 5290 · GND: (DE131471252 · BNF: (FRcb16260821r (data)