Alexander (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexander
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows
Data di pubblicazioneFlags of Canada and the United States.svg 23 novembre 2004
Zona PAL 26 novembre 2004
GenereStrategia in tempo reale
TemaFilm
OrigineUcraina
SviluppoGSC Game World
PubblicazioneUbisoft
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputMouse
Supporto2 CD-ROM
Fascia di etàESRBM · PEGI: 12 · USK: 12

Alexander è un videogioco strategico in tempo reale sviluppato dalla GSC Game World (la stessa di Cossacks: European Wars e Cossacks II: Napoleonic Wars) e pubblicato dalla Ubisoft il 23 novembre 2004 per Microsoft Windows. Il videogioco è basato sul film del 2004 Alexander di Oliver Stone. Il gameplay di questo titolo è simile a quello di Cossacks, con alcuni elementi tipici della serie Age of Empires ed Age of Mythology.

Menu principale[modifica | modifica wikitesto]

Il menu principale permette al giocatore di giocare una delle 3 seguenti modalità: Campagna, Missione e Schermaglia. Nella Campagna, il giocatore potrà inizialmente giocare con la campagna macedone di Alessandro Magno, completata la quale sbloccherà anche le campagne della Persia, dell'Egitto e dell'India, le altre 3 fazioni giocabili. Le 5 missioni disponibili servono per mettere alla prova le tecniche di strategia del giocatore. La Schermaglia permette di costruire una partita casuale su un continente o sulle isole, con risorse predefinite da villaggio, città o impero, e fino a 7 giocatori in campo compreso il giocatore, con una difficoltà assegnatale.

Campagna[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro il Grande[modifica | modifica wikitesto]

È la prima serie di missioni, per un totale di 15, in cui il giocatore deve emulare le gesta di Alessandro Magno impegnato nella costruzione del suo impero, dapprima contro gli oppositori interni, poi contro i persiani, gli egiziani e gli indiani (che dopo la sua morte fonderanno la dinastia Maurya).

Campagna Persiana[modifica | modifica wikitesto]

Nella campagna persiana si può cambiare il corso della storia alla guida dell'immenso esercito persiano condotto da Dario.

Campagna Egiziana[modifica | modifica wikitesto]

Nella campagna egiziana, il sacerdote Nectanebo II alla guida del suo esercito deve respingere gli aggressori garantendo all'impero una tranquillità insperata.

Campagna Indiana[modifica | modifica wikitesto]

Nella campagna indiana, Poro deve respingere l'armata di Alessandro intimandogli di non provare più ad invadere il suo regno.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Sito media statistica Punteggio
GameRankings 55.82%[1]
Metacritic 56/100[2]
Accoglienza
Recensione Giudizio
Eurogamer 4/10[3]
GameSpot 5.2/10[4]
GameSpy 1.5/5 stelle[5]
IGN 7/10[6]
PC Format 70%[7]
PC Gamer 61% (GBR)[8]
77% (USA)[9]
PC Zone 41%[10]
Z-Play 2/5 stelle[11]

Il gioco ha avuto giudizi contrastanti dalla critica, con punteggi di 55.82% da GameRankings[1] e 56 su 100 da Metacritic.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Alexander for PC, in GameRankings. URL consultato il 2 novembre 2014.
  2. ^ a b (EN) Alexander for PC Reviews, in Metacritic. URL consultato il 2 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Kieron Gillen, Alexander, in Eurogamer, 5 gennaio 2005. URL consultato il 2 novembre 2014.
  4. ^ (EN) Craig Beers, Alexander Review, in GameSpot, 6 dicembre 2004. URL consultato il 2 novembre 2014.
  5. ^ (EN) Matt Peckham, GameSpy: Alexander, in GameSpy, 10 febbraio 2005. URL consultato il 2 novembre 2014.
  6. ^ (EN) Steve Butts, Alexander (PC), in IGN, 2 dicembre 2004. URL consultato il 2 novembre 2014.
  7. ^ (EN) Jim Rossignol, Alexander, in PC Format, nº 170, gennaio 2005, p. 92. URL consultato il 2 novembre 2014.
  8. ^ (EN) Alexander, in PC Gamer UK, gennaio 2005.
  9. ^ (EN) Alexander, in PC Gamer, febbraio 2005, p. 62.
  10. ^ (EN) PC Zone staff, Alexander review, in PC Zone, aprile 2005. URL consultato il 2 novembre 2014.
  11. ^ (EN) Greg Bemis, Alexander Review, in X-Play, 26 gennaio 2005. URL consultato il 2 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2005).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi