Albi di Tex (1958)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Albi di Tex.

Albi pubblicati del fumetto Tex nel 1958. Contengono racconti già usciti nel formato striscia della cosiddetta prima serie a partire dal 30 settembre 1948 all'aprile del 1949.

I due albi dati alle stampe in quest'anno avevano 162 pagine ognuno. Trattando ogni albo di più storie, si è ritenuto opportuno suddividere la trama di ciascun albo nelle singole avventure che lo compongono.

Nr. Titolo Mese di pubblicazione Soggetto Sceneggiatura Disegni
1 La Mano Rossa ottobre Giovanni Luigi Bonelli Giovanni Luigi Bonelli Galep
2 Uno contro venti dicembre Giovanni Luigi Bonelli Giovanni Luigi Bonelli Galep

Trame[modifica | modifica wikitesto]

La mano rossa[modifica | modifica wikitesto]

Tex Willer ingiustamente ricercato dalla legge sconfigge la banda criminale di John Coffin e risolve l'enigma del totem misterioso. Poi sgomina anche la banda della Mano Rossa e aiuta il ranger Jeff contro El Diablo, un ricco messicano che ha armato un esercito personale, guadagnandosi la stima di Kit Carson e del capo dei Texas Ranger nei quali viene arruolato. Per la sua prima missione deve contrastare un rapitore di fanciulle[1].

Capitoli[1]:

  • "Il totem misterioso": da pag. 3 a pag. 34
  • "La Mano Rossa":da pag. 35 a pag. 162

Uno contro venti[modifica | modifica wikitesto]

Tex ripulisce Silver City dalla banda di Bud Lowett che imperversa in città ma nel frattempo Kit Carson cade nelle mani del trafficante Kid Billy. Tex lo salva e arrivato a Santa Fe si vede coinvolto in una vicenda che ha come protagonista Don Felipe Fuentes il quale cerca di far credere agli indiani Blancos di essere il condottiero di cui parlano le loro profezie per mettere le mani su un tesoro nascosto[2].

Capitoli[2]:

  • Si conclude l'avventura precedente da pag. 3 a pag. 45
  • "La banda di Kid Billy": da pag. 45 a pag. 88
  • "Il mistero dell'idolo d'oro": da pag. 88 a pag. 162

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La Mano Rossa. URL consultato il 24 novembre 2016.
  2. ^ a b Uno contro venti. URL consultato il 24 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]