Lilyth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lilyth
Lingua orig.Italiano
Autori
EditoreSergio Bonelli Editore
1ª app. inTex n. 7 - Il patto di sangue
SessoFemmina

Lilyth è un personaggio del fumetto western Tex Willer edito dalla Sergio Bonelli Editore, ideato da Giovanni Luigi Bonelli e realizzato graficamente da Galep: è stata la moglie Navajo del protagonista Tex.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del sakem della tribù Freccia Rossa, Lilyth fa la conoscenza di Tex nell'episodio intitolato Il patto di sangue (albo n. 7 della serie attuale). L'incontro avviene in una situazione drammatica: il ranger sta per essere giustiziato al palo della tortura. Proprio l'intervento di Lilyth salva Tex: ella propone la celebrazione di un matrimonio tra i due. Il ranger acconsente per motivi di forza maggiore, ma ben presto tra l'eroe e la giovane navajo nasce una vera relazione sentimentale. Dall'unione viene alla luce Kit.

Sposando Lilyth, Tex entra a far parte della tribù, con l'appellativo di Aquila della Notte (nome che discende dal travestimento usato in quel periodo da Tex).

Lilyth muore prematuramente, tra le ultime vittime di un'epidemia di vaiolo fatta scoppiare, a scopo di vendetta, da due loschi affaristi di Denver, Fred Brennan & Jim Teller. Tex li aveva fatti arrestare proprio al termine dell'avventura in cui conobbe Lilyth, distruggendo l'organizzazione da loro creata che smerciava armi ai nativi allo scopo di provocare una guerra.

Lilyth avrebbe potuto sfuggire al flagello, se si fosse recata assieme a Tex alle missioni di Taos - dove il ranger aveva portato il figlio Kit per sottoporlo a cure mediche -, ma preferì rimanere accanto al padre, lasciando accompagnare il marito dalla squaw di un certo Black Wolf. Il ranger si vendica grazie all'intuizione della moglie: è lei a suggerire il collegamento tra la diffusione del morbo e la consegna alla riserva di alcune coperte da parte di uomini dal volto "butterato", cioè segnato dalle pustole del vaiolo, al quale erano sopravvissuti.

Dagli esecutori materiali Tex riesce a risalire sino ai nomi dei mandanti, portando così a compimento il giuramento solenne prestato sulla tomba di Lilyth.[1]

Lilyth, pur scomparendo dopo pochissimi albi e ritornando solo in rari flashback, rimane comunque una figura chiave dell'intera saga. È l'unica donna amata dall'eroe, protagonista di alcuni dei momenti "rosa" del fumetto, ed è ancora presente "indirettamente" grazie al loro unico erede.

Nel 2008, in occasione del sessantennale del fumetto, viene pubblicato l'albo celebrativo a colori n. 575, intitolato Sul sentiero dei ricordi, sceneggiato da Claudio Nizzi e disegnato da Fabio Civitelli: dopo molti anni propone una storia che ha come protagonista Lilyth, ambientata nel breve periodo matrimoniale. È anche l'unico albo dell'attuale formato ad aver raffigurata la moglie di Tex in copertina (realizzata dal copertinista ufficiale Claudio Villa).

Nel 2018 la giovane navajo appare di nuovo ne Il segreto di Lilyth, una breve storia dello sceneggiatore Mauro Boselli e del disegnatore Fabio Civitelli ospitata sul "Tex Magazine 70 anni"; la copertina dell'albo, anch'essa opera di Villa, la vede ancora una volta protagonista insieme al marito.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

È possibile che il salvataggio di Tex da parte di Lilyth sia un rifacimento di un episodio narrato nel romanzo Notre-Dame de Paris, di Victor Hugo, ovvero l'atto in cui la zingara Esmeralda decide di sposarsi con il poeta di strada Pierre Gringoire, salvato dalla stessa zingara sul punto in cui gli altri zingari della Corte dei miracoli lo condannarono all'impiccagione; oppure ad un episodio del racconto di Emilio Salgari L'Aquila Bianca[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutta la vicenda, compresa la dura punizione che Tex infligge ai colpevoli, è narrata negli albi dal n. 103 al 106.
  2. ^ quaderni d'altri tempi 31
Sergio Bonelli Editore Portale Sergio Bonelli Editore: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sergio Bonelli Editore