Ahmad al-Badawi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Aḥmad ibn ʿAlī b. Yaḥyā al-Badawī (in arabo: أحمد بن علي بن يحيى البدوي‎; Fès, 1199Tanta, 1276) è stato un mistico arabo di origine marocchina.

Il mausoleo di Aḥmad al-Badawī all'interno della moschea di Ṭanṭa dedicata alla sua memoria
Celebrazione del mawlid di Aḥmad al-Badawī a Ṭanṭa

Lo Shaykh Abū l-Fiṭyān Aḥmad al-Badawī (o, per rispetto, al-Sayyid al-Badawī), stato un musulmano, fondatore della confraternite islamiche sufi detta Ahmadiyya Badawiyya.

Di famiglia che poteva tracciare la sua ascendenza fino ad Ali ibn Abi Talib, quarto califfo "ortodosso" e primo Imam per gli Sciiti, il sunnita sciafeita Aḥmad al-Badawī nacque a Fès (Marocco) nel 596 dell'Egira, corrispondente al 1199 d.C. e morì a Tanta (Egitto) nel 675 AH, corrispondente al 1276.

Quando aveva sette anni, la sua famiglia si spostò alla Mecca, dove giunse al termine di un viaggio durato quattro anni e dove più tardi suo padre ʿAlī[1] morì.

Nel 1236, poco dopo i suoi 35 anni, decise di ritirarsi dalla mondanità, dedicandosi a pratiche devozionali ascetiche, dopo aver studiato a fondo il Corano con tutte le sue possibili e ortodosse "letture" (qirāʾāt), e di recarsi in Iraq (dove egli in effetti si trasferì col fratello al-Ḥasan) ubbidendo ad alcune indicazioni rabbanī (di provenienza divina) che gli avevano ingiunto di compiere un simile passo.
Dall'Iraq il fratello tornò poi alla Mecca, mentre Aḥmad si spostò a Ṭanṭa, dove la sua fama di sant'uomo cominciò ad attirare persone a lui devote, tra cui si può ricordare anche il Sultano mamelucco bahri Baybars, che si dice gli abbia baciato i piedi in segno di somma considerazione per i suoi altissimi meriti spirituali.

I suoi seguaci affermano che egli avesse compiuto un gran numero di miracoli (karāmāt) mentre senz'altro certificabili sono alcune preghiere da lui composte e di un ḥizb particolarmente apprezzato.

La sua confraternita è particolarmente popolare in Egitto, malgrado in periodo ottomano dovesse sopportare la non esplicita ostilità degli ordini religiosi più legati alla tradizione turca. Qui egli viene annualmente ricordato in aprile nel cosiddetto mawlid al-rajabī e in ottobre nel suo vero e proprio mawlid (il più popolare in assoluto dell'Egitto, paese che celebra non meno di 60 mawlid), che nel corso di una settimana vede la partecipazione di circa 2 milioni di aderenti e simpatizzanti della tarīqa, che si caratterizzano per il turbante di color rosso orgogliosamente indossato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per singolare coincidenza egli (che portava il nome del suo illustre antenato) sposò una donna di nome Fāṭima (che aveva lo stesso nome della figlia di Maometto, andata sposa al cugino del padre, ʿAlī, appunto) e da essa ebbe un figlio che chiamò al-Ḥasan, proprio come il primogenito della più importante coppia dell'Ahl al-Bayt e quindi Aḥmad stesso, il cui nome coincideva con quello del profeta dell'Islam, più noto col nome Muḥammad, che condivide con Aḥmad la medesima radice linguistica, anche se Muḥammad è un participio passivo di una forma intensiva e Aḥmad è un elativo).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (AR) Abū ʿAbd al-Raḥmān Sulamī, Ṭabaqāt al-ṣūfiyya, (a cura di J. Pedersen), Leida, 1960, ed. Nūr al-Dīn Sharībā, Cairo, 1372/1953.
  • (AR) al-Imām Nūr al-Dīn al-Ḥalabī al-Aḥmadī, Sīrat al-Sayyid Aḥmad al-Badawī, al-Maktaba al-Azhariyya li-l-turāth, Il Cairo.
  • (FR) Mayeur-Jaouen, Catherine, Al-Sayyid Ahmad al-Badawi: un grand saint de l'islam égyptien, Institut Français d'Archéologie Orientale du Caire (IFAO), 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65388741 · ISNI (EN0000 0001 1660 5563 · LCCN (ENn83175525 · GND (DE119113996 · BNF (FRcb125431751 (data)