1. divisjon 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1. divisjon 2016
OBOS-ligaen 2016
Competizione 1. divisjon
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 68ª
Organizzatore NFF
Date dal 3 aprile 2016
al 30 ottobre 2016
Luogo Norvegia Norvegia
Partecipanti 16
Risultati
Promozioni Kristiansund
Sandefjord
Retrocessioni Bryne
Hødd
KFUM Oslo
Raufoss
Statistiche
Miglior giocatore Svezia Pontus Engblom[1]
Miglior marcatore Svezia Pontus Engblom (26)
Incontri disputati 240
Gol segnati 696 (2,9 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2015 2017 Right arrow.svg

La 1. divisjon 2016, nota anche come OBOS-ligaen 2016 per ragioni di sponsorizzazione[2], è stata la 68ª edizione della seconda serie del campionato norvegese di calcio. La stagione è iniziata il 3 aprile 2016 e si è conclusa il 30 ottobre 2016. Il campionato è stato vinto dal Kristiansund, che, assieme al Sandefjord secondo classificato, è stato promosso in Eliteserien.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Dalla 1. divisjon 2015 sono stati promossi in Eliteserien 2016 il Sogndal e il Brann, entrambe dopo un solo anno di assenza. Dalla prima divisione sono retrocessi, anch'essi dopo un solo anno, il Sandefjord e il Mjøndalen. Hønefoss, Bærum, Nest-Sotra e Follo, classificatisi agli ultimi quattro posti della 1. divisjon 2015, erano stati retrocessi in 2. divisjon. A prendere il loro posto dalla categoria inferiore sono statiUllensaker/Kisa, KFUM Oslo, Raufoss e Kongsvinger.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le 16 squadre partecipanti si sono affrontate in un girone all'italiana con partite di andata e ritorno, per un totale di 30 giornate. Le prime due classificate del campionato sono state promosse in Eliteserien. Le squadre classificatesi dal terzo al sesto hanno partecipato ai playoff promozione. La vincente ha sfidato la terzultima classificata dell'Eliteserien per un posto in massima serie. Le ultime quattro classificate sono state retrocesse direttamente in 2. divisjon.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Stagione Città Stadio Stagione 2015
Bryne dettagli Bryne Bryne Stadion 10º posto in 1. divisjon
Fredrikstad dettagli Fredrikstad Fredrikstad Stadion 12º posto in 1. divisjon
Hødd dettagli Ulstein Høddvoll Stadion 4º posto in 1. divisjon
Jerv dettagli Grimstad Levermyr 5º posto in 1. divisjon
KFUM Oslo dettagli Oslo KFUM Arena 1º posto nel girone 1 della 2. divisjon
Kongsvinger dettagli Kongsvinger Gjemselund Stadion 1º posto nel girone 4 della 2. divisjon
Kristiansund dettagli Kristiansund Atlanten Stadion 3º posto in 1. divisjon
Levanger dettagli Levanger Moan Fritidspark 9º posto in 1. divisjon
Mjøndalen dettagli Mjøndalen Isachsen Stadion 15º posto in Eliteserien
Ranheim dettagli Trondheim DNB Arena 6º posto in 1. divisjon
Raufoss dettagli Raufoss Raufoss Stadion 1º posto nel girone 2 della 2. divisjon
Sandefjord dettagli Sandefjord Komplett Arena 16º posto in Eliteserien
Sandnes Ulf dettagli Sandnes Sandnes Stadion 7º posto in 1. divisjon
Strømmen dettagli Strømmen Strømmen Stadion 8º posto in 1. divisjon
Ullensaker/Kisa dettagli Jessheim UKI Arena 1º posto nel girone 3 della 2. divisjon
Åsane dettagli Åsane Åsane Idrettspark 11º posto in 1. divisjon

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Kristiansund 62 30 19 5 6 47 30 +17
1uparrow green.svg 2. Sandefjord 59 30 18 5 7 54 35 +19
Noatunloopsong.png 3. Jerv 53 30 15 8 7 47 34 +13
Noatunloopsong.png 4. Sandnes Ulf 51 30 15 6 9 55 28 +27
Noatunloopsong.png 5. Kongsvinger 49 30 14 7 9 56 42 +14
Noatunloopsong.png 6. Mjøndalen 49 30 13 10 7 49 38 +11
7. Strømmen 47 30 13 8 9 46 45 +1
8. Levanger 45 30 13 6 11 52 46 +6
9. Ranheim 39 30 11 6 13 45 48 -3
10. Åsane 38 30 10 8 12 36 37 -1
11. Fredrikstad 33 30 8 9 13 34 48 -14
12. Ullensaker/Kisa 32 30 8 8 14 47 50 -3
1downarrow red.svg 13. Bryne 30 30 7 9 14 33 48 -15
1downarrow red.svg 14. Hødd 30 30 8 6 16 31 57 -26
1downarrow red.svg 15. KFUM Oslo 26 30 6 8 16 31 48 -17
1downarrow red.svg 16. Raufoss 21 30 6 3 21 33 62 -29

Legenda:

      Promosse in Eliteserien 2017
Noatunloopsong.png Ammesse ai play-off promozione
      Retrocesse in 2. divisjon 2017

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate in trasferta negli scontri diretti (solo tra due squadre)
  • Reti realizzate negli scontri diretti
  • Spareggio (solo per decidere promozione, accesso ai playoff e retrocessione)

Spareggi[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Risultati Luogo e data
Sandnes Ulf 0 - 2 Kongsvinger Sandnes, 5 novembre 2016
Jerv 2 - 1 Mjøndalen Grimstad, 19 novembre 2016[3]

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Risultati Luogo e data
Jerv 2 - 1 Kongsvinger Grimstad, 26 novembre 2016

Spareggio promozione/retrocessione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Eliteserien 2016 § Spareggi.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
26 Svezia Pontus Engblom Sandnes Ulf
20 Costa d'Avorio Daouda Bamba Kristiansund
18 Norvegia Robert Stene Ranheim
14 Norvegia Geir André Herrem Åsane
14 Norvegia Adem Güven Kongsvinger
14 Norvegia Kjell Rune Sellin Sandefjord
14 Norvegia Benjamin Stokke Levanger
13 Norvegia Kent Håvard Eriksen Sandnes Ulf
12 Danimarca Sanel Kapidžić Fredrikstad
12 Irlanda del Nord Robin Shroot Hødd

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) TV: Her blir 'Årets spiller' hyllet av Gaukereiret, sandnesulf.no. URL consultato il 2 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  2. ^ (NO) PM: 1. divisjon blir OBOS-ligaen, Norsk Toppfotball.
  3. ^ La partita, inizialmente disputata il 5 novembre 2016 e sospesa al minuto 45 sull'1-0 per il Jerv a causa di impraticabilità del campo causa pioggia, è stata ripresa il 19 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]