(53319) 1999 JM8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.png
Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è (53319) 1999 JM8.
(53319) 1999 JM8
Asteroid 1999 JM8.gif
Immagine radar dell'asteroide 1999 JM8 ripresa dal radiotelescopio di Arecibo il 5 agosto 1999.[1]
Stella madreSole
Scoperta13 maggio 1999
ScopritoreLINEAR
ClassificazioneNEA,
asteroide Apollo,
PHA
Classe spettraleX
Designazioni
alternative
1999 JM8, 1990 HD1
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2458000,5
4 settembre 2017)
Semiasse maggiore407 831 232 km
2,7261446 UA
Perielio146 359 380 km
0,9783381 UA
Afelio669 303 085 km
4,4739511 UA
Periodo orbitale1644,08 giorni
(4,5 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
13,82875°
Eccentricità0,6411276
Longitudine del
nodo ascendente
133,64576°
Argom. del perielio166,76956°
Anomalia media19,00935°
Par. Tisserand (TJ)2,987 (calcolato)
Ultimo perielio7 giugno 2017
Prossimo perielio7 dicembre 2021
MOID da Terra0,0234555 UA
Dati fisici
Diametro medio7 km
Periodo di rotazione136 ore
Dati osservativi
Magnitudine ass.15,2

(53319) 1999 JM8 è un asteroide Apollo scoperto da osservazioni condotte nell'ambito del Programma LINEAR dall'osservatorio di Socorro, in Nuovo Messico, il 13 maggio 1999.

Presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 2,7261446 UA e da un'eccentricità di 0,6411276, inclinata di 13,82875° rispetto all'eclittica. L'asteroide transita periodicamente in prossimità della Terra.[2]

Con i suoi 7 km di diametro, tra gli asteroidi potenzialmente pericolosi noti, è quello di maggiori dimensioni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Media Relations Office, Radar Images Capture Big, Slowly Tumbling Asteroid, Jet Propulsion Laboratory, 26 agosto 1999. URL consultato il 29 agosto 2017.
  2. ^ JPL, Small-Body Database.
  3. ^ (EN) Lance A. M. Benner, Goldstone Radar Observations Planning: Asteroid 3122 Florence and 2001 QL142, Jet Propulsion Laboratory, 16 agosto 2017. URL consultato il 24 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 4 Vesta
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare