Íñigo López de Hurtado de Mendoza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Íñigo López de Hurtado de Mendoza, Marchese di Mondéjar (151221 aprile 1580), è stato un nobile, militare e diplomatico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Luis Hurtado de Mendoza y Pacheco e di Catalina de Mendoza, ereditò dal padre i titoli di marchese di Mondéjar e di conte di Tendilla, alla morte del quale gli subentrò come Capitano Generale di Granada.

Carriera militare e diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1555 fu nominato Capitano generale di mare e di terra nell'intervento militare a difesa di Orano e Béjaïa. Nel 1560 fu ambasciatore a Roma presso papa Pio IV.[1] Comandò le truppe incaricate di domare la rivolta di las Alpujarras prima dell'arrivo di don Giovanni d'Austria.[2] Terminata la sollevazione nel 1572, fu nominato viceré del regno di Valencia.

Viceré di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1575 fu nominato viceré di Napoli.[3]

Durante il suo governo incrementò la militarizzazione delle coste, facendo costruire un nuovo arsenale nel porto di Santa Lucia su progetto di Vincenzo Casali. Questo perché in quegli anni Napoli, in quanto città portuale, fu estremamente esposta alla diffusione della peste e le sue attività economiche principali furono minate alla base. In quel periodo inoltre erano arrivate prima a Trebisacce, in Calabria, poi in Puglia le navi del sultano ottomano Murad III, che saccheggiarono i porti principali dello Jonio e dell'Adriatico.

Il De Mendoza vietò ai funzionari pubblici d'intrecciare legami sacramentali e parentele religiose. Terminò il suo incarico a Napoli nel 1579.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Alonso Núñez de Castro: Historia eclesiástica y seglar de la muy noble y muy leal ciudad de Guadalaxara (1653), p. 242.
  2. ^ (ES) Luis del Mármol Carvajal: Historia del rebelión y castigo de los moriscos del Reino de Granada.
  3. ^ (ES) Virreyes de Nápoles de José Raneo, anotado por Eustaquio Fernández Navarrete, pp. 239-245, incluido en la "Colección de documentos inéditos para la historia de España", vol. XXIII.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Viceré di Valencia Successore Royal arms of Aragon (Lozenge shaped and Crowned).svg
Antonio Alonso Pimentel y Herrera de Velasco 1572 - 1575 Vespasiano I Gonzaga
Predecessore Viceré di Napoli Successore Arms of Philip II of Spain as Monarch of Naples and Sicily.svg
Antoine Perrenot de Granvelle 1575 - 1579 Juan de Zúñiga y Requeséns
Controllo di autoritàVIAF: (EN87245445
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie