Bartolomé de la Cueva y Toledo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bartolomé de la Cueva y Toledo
cardinale di Santa Romana Chiesa
BartolomeCuevaCuellar.jpg
Nato 23 aprile 1499, Cuéllar
Creato cardinale 19 dicembre 1544 da papa Paolo III
Deceduto 29 giugno 1562

Bartolomé de la Cueva y Toledo (Cuéllar, 23 aprile 1499Roma, 29 giugno 1562) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

Fu luogotenente generale del Regno di Napoli dal 1558 al 1559. Elevato al rango cardinalizio il 19 dicembre 1544 da papa Paolo III, divenne amministratore apostolico della diocesi di Avellino e Frigento il 12 settembre 1548, rinunciò la sede il 10 marzo 1549.

Fu ordinato vescovo a Roma l'8 giugno 1549 dal cardinale Juan Álvarez de Toledo.

Nell'ottobre 1558, il viceré di Napoli in carica, Juan Manrique de Lara fu costretto a lasciare il regno e il de la Cueva si ritrovò a dover svolgere le mansioni di luogotenente generale.

Restò a Napoli sino al 12 giugno 1559, giorno in cui giunse il nuovo viceré, Pedro Afán de Ribera.

Il 13 settembre 1560 fu eletto arcivescovo di Manfredonia, carica che mantenne sino alla morte, giunta all'età di 63 anni, nel 1562.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]