Érika

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Érika
Érika 2012 Olympics.jpg
Nome Érika Cristiano dos Santos
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 173 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Paris SG
Carriera
Squadre di club1
2003-2004 Juventus-SP Juventus-SP
2005-2008 Santos Santos
2009 FC Gold Pride 7 (0)
2009 Santos Santos
2010 Foz Cataratas Foz Cataratas
2011 Santos Santos
2012-2015 non conosciuta Centro Olímpico
2015- Paris SG ? (?)
Nazionale
Brasile Brasile U-20
2006- Brasile Brasile 49 (10)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Pechino 2008
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2015 (club)
1º giugno 2015

Érika Cristiano dos Santos, comunemente nota come Érika, (San Paolo, 4 febbraio 1988), è una calciatrice brasiliana, difensore del Paris Saint-Germain e della nazionale brasiliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di essere scelta dal FC Gold Pride durante il WPS International Draft del 2008, Érika giocava nel Santos Futebol Clube. Nonostante abbia giocato 7 partite nell'FC Gold Pride, Érika fu ritenuta da Albertin Montoya sopra ai risultati attesi al termine della stagione.[1]

Érika ha rappresentato il Brasile sia a livello di under 21 che di nazionale maggiore.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Fece parte della nazionale brasiliana che nel 2011 partecipò alla coppa del mondo, e proprio durante questa competizione è stata coinvolta in un caso discusso, verso la fine della partita giocata contro gli Stati Uniti. Al 115º minuto di gioco, a pochi minuti dalla fine, Erika è improvvisamente crollata a terra mostrando un enorme dolore alla schiena. Dopo essere stata soccorsa ed essere stata portata fuori dal campo su una barella, si è subito rialzata ricominciando a correre, stringendosi la schiena. Questo ha generato discussioni tra gli analisti sportivi riguardo alla veridicità del suo infortunio, ed alcuni la accusarono di aver finto il malore per bloccare un contropiede statunitense. Come risultato della perdita di tempo, l'arbitro Jacqui Melksham la ammonì aggiungendo 3 minuti al tempo di gioco, durante i quali gli Stati Uniti segnarono il gol del pareggio, per poi vincere ai rigori.[2]

Statistiche di carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Stagione Campionato Stagione regolare Playoff Total
Giocate Titolare Minuti Gol Assist Giocate Titolare Minuti Gol Assist Giocate Titolare Minuti Gol Assist
Totale
FC Gold Pride 2009 WPS 7 5 423 0 0 7 5 423 0 0
Totale 7 5 423 0 0 7 5 423 0 0
Santos 2009 Copa do Brasil 5 6 5 6
Totale 5 6 5 6
Totale carriera 12 5 423 6 0 12 5 423 6 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pride Makes More Offseason Moves, su FC Gold Pride, 22 settembre 2009. URL consultato il 23 settembre 2009.
  2. ^ Jeré Longman, At the Women's World Cup, Drama Without All the Dramatics, in The New York Times, 11 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]