Débora Cristiane de Oliveira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Débinha
Débora Cristiane de Oliveira no Canadá vs Brasil em futebol feminino, na Rio 2016 (28807772840) (cropped).jpg
Debinha con la maglia del Brasile nel 2016
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 163 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra N. Carolina Courage
Carriera
Squadre di club1
2006-2007non conosciuta Lorena? (?)
2008-2009Saad? (?)
2010Portuguesa? (?)
2011Foz Cataratas? (?)
2011-2013Centro Olímpico? (?)
2013-2016Avaldsnes30 (23)
2014São José? (?)
2016non conosciuta Dalian Quanjian? (?)
2017-N. Carolina Courage? (?)
Nazionale
2011-Brasile Brasile? (17)
Palmarès
Flag of PASO.svg Giochi panamericani
Oro Canada 2015
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 giugno 2016 (Nazionale)

Débora Cristiane de Oliveira, conosciuta semplicemente come Débinha (Brazópolis, 20 ottobre 1991), è una calciatrice brasiliana, attaccante del North Carolina Courage e della nazionale brasiliana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Débora Cristiane de Oliveira inizia la sua carriera tesserandosi con il Lorena a soli 15 anni, rimanendo due stagioni prima di trasferirsi al Mato Grosso do Sul/Saad, con sede a São Caetano do Sul, nello stato federato di San Paolo, l'anno prima vincitore della Copa do Brasil. Ancora due stagioni e decide di trasferirsi al Portuguesa di San Paolo, dove rimane una stagione, e nell'inverno 2010 tesserandosi con il Foz Cataratas di Foz do Iguaçu, nel Paraná, formazione con la quale vince il suo primo titolo nazionale, la Copa do Brasil.

Già nel corso del 2011 si trasferisce al Centro Olímpico tornando a giocare a San Paolo, formazione con cui rimane fino all'agosto 2013 prima di decidere di cogliere l'occasione, assieme alla connazionale Rosana, per giocare per la prima volta in un campionato estero, quello norvegese, datole dal Avaldsnes neopromosso alla Toppserien, il livello di vertice del campionato nazionale, chiedendo alla società di essere citata come Debinha.[1]

Alla fine del campionato 2014, dove con 20 reti siglate si laurea capocannoniere del torneo[2][3], tra novembre e dicembre viene brevemente ceduta in prestito insieme con Rosana al São José nel tentativo di conquistare le edizioni di quell'anno della Copa Libertadores Femenina e dell'International Women's Club Championship, ritornando in Norvegia all'inizio del 2015[4] rimanendo vittima di un grave infortunio al legamento crociato all'inizio della stagione che la costringerà a un lungo periodo di riabilitazione[2].

Nel 2016 decide di trasferirsi in Cina accettando la proposta del Dalian Quanjian dove ritrova la connazionale Fabiana da Silva Simões (Fabiana).

Nel 2017 passa alle statunitensi del North Carolina Courage per giocare in National Women's Soccer League (NWSL).

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Débora de Oliveira viene chiamata dalla Federazione calcistica del Brasile (Confederação Brasileira de Futebol - CBF) per vestire la maglia della nazionale Under-20 inserita nella rosa della squadra impegnata nella fase finale del Campionato mondiale di Germania 2010.

Grazie alle prestazioni offerte, dal 2011 viene convocata con la nazionale maggiore, per disputare il torneo di calcio femminile ai XVI Giochi panamericani, contribuendo a raggiungere la finale del 27 ottobre persa ai rigori con le avversarie del Canada dopo che i tempi regolamentari avevano fissato il risultato sul 1-1; suo l'ultimo rigore eseguito, parato dal portiere Rachelle Beanlands, che consegna il trofeo alle avversarie.

Nel 2012 viene inoltre inserita in rosa nella nazionale olimpica che rappresenta Il Brasile nel torneo di calcio femminile ai Giochi della XXX Olimpiade di Londra 2012.[5]

Nel dicembre 2013 Debinha segna la doppietta con cui il Brasile si impone per 3-1 sulle avversarie della Scozia all'edizione 2013 del Torneio Internacional de Brasília de Futebol Feminino.[6]

Nel 2016 viene nuovamente inserita in rosa nella nazionale olimpica che rappresenta il Brasile nel torneo di calcio femminile ai Giochi della XXXI Olimpiade di Rio 2016.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

North Carolina Courage: 2018
Foz Cataratas: 2011

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Canada 2015

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Capocannoniere del campionato svedese
2014 (20 reti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) Yasmin Sunde Hoel, Brasil-stjerner strømmer til lille Avaldsnes: – Nesten så vi ikke tror på det selv, su NRK, 20 agosto 2013. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  2. ^ a b (NO) Knut Netland, Debinha fortsetter i Avaldsnes, su hnytt.no, 21 dicembre 2015. URL consultato il 14 agosto 2016.
  3. ^ (NO) Toppscorerliste, su nifs.no, A-pressen. URL consultato il 14 agosto 2016.
  4. ^ (PT) São José gets Debinha and Rosana for Libertadores and Women's Club Championship, su globoesporte.globo.com, 3 novembre 2014. URL consultato il 17 agosto 2015.
  5. ^ (EN) Women's Olympic Football Tournament London 2012 – List of Players Brazil (PDF), su FIFA, 24 luglio 2012. URL consultato il 14 agosto 2016.
  6. ^ (EN) Samba stars win against Scotland, su Scottish Football Association, 15 dicembre 2013. URL consultato il 14 agosto 2016.
  7. ^ (PT) Seleção Feminina é convocada para Rio 2016, su selecao.cbf.com.br, 12 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]