Álvaro Mesén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Álvaro Mesén
Nome Álvaro Mesén Murillo
Nazionalità Costa Rica Costa Rica
Altezza 182 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 2010
Carriera
Squadre di club1
1991-2004 Alajuelense Alajuelense 65 (-?)
2004-2006 Herediano Herediano 26 (-?)
2006-2007 Brujas Brujas 28 (-?)
2007-2010 Liberia Mia Liberia Mía 63 (-?)
Nazionale
1999-2006 Costa Rica Costa Rica 38 (-?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Álvaro Mesén Murillo (Alajuela, 24 dicembre 1972) è un ex calciatore costaricano, di ruolo portiere.

È stato nominato FIFA Football Ambassador per l'anno 2001.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fece il suo debutto in Prima Divisione nel marzo 1993 con il Carmelita, in prestito dalla Liga, nella partita contro il Municipal Turrialba, il quale terminò 1-1. Nel 1993, ritorna all'Alajuelense, squadra dove trascorre gran parte della sua carriera professionale. Nel 2004 firma un contratto altamente pubblicizzato con l'Herediano. Quindi passò al Brujas. Nel 2007 passa al Liberia[2][3], con cui ha concluso la sua carriera agonistica nel 2010.[4]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Mesén è stato anche un membro della squadra Nazionale della Costa Rica, con la quale debuttò il 25 novembre 1999, nell'estadio Morera Soto, nella partita Costa Rica - Slovacchia (4-0). È stato convocato per la Coppa del Mondo FIFA del 2002 in Giappone e Corea del Sud e per la Coppa del Mondo FIFA del 2006 in Germania[5], ma non ha giocato un solo minuto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Celebrity Support "Kick Child Labour Out of the World!", Global March. URL consultato il 7 luglio 2015.
  2. ^ (ES) Mesén es el nuevo refuerzo de Liberia, La Nación, 26 settembre 2007. URL consultato il 7 luglio 2015.
  3. ^ (ES) Mesén firma hoy con los liberianos, La Nación, 27 settembre 2007. URL consultato il 7 luglio 2015.
  4. ^ (ES) Álvaro Mesén renunció a su cargo en la FEDEFUTBOL, Crhoy, 13 febbraio 2013. URL consultato il 7 luglio 2015.
  5. ^ (ES) Experiencia, divino tesoro, La Nación, 2006. URL consultato il 7 luglio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]