X Giochi paralimpici estivi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
X Giochi paralimpici estivi
Bandiera olimpica
Città ospitante Atlanta, Stati Uniti d'America
Nazioni partecipanti 104 (vedi sotto)
Atleti partecipanti 3,259
(2,469 Symbol mars.svg - 790 Symbol venus.svg)
Competizioni 508 in 20 sport
Cerimonia apertura 16 agosto 1996
Cerimonia chiusura 25 agosto 1996
Aperti da Al Gore
Stadio Centennial Olympic Stadium
Cronologia dei Giochi paralimpici
Giochi precedenti Giochi successivi
Barcellona 1992 Sydney 2000
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Medaglie complessive vinte
Stati Uniti Stati Uniti 47 46 65 158
Australia Australia 42 37 27 106
Germania Germania 40 58 51 149
Nuotatrici paralimpici alle Paralimpiadi estate 1996
Un non identificato nuotatore australiano ai Giochi Paralimpici di Atlanta 1996
Atleta australiana ai Giochi Paralimpici di Atlanta 1996

I X Giochi Paralimpici estivi si sono svolti ad Atlanta (Stati Uniti d'America) dal 15 al 26 agosto 1996. La cerimonia d'apertura fu presenziata dal vice presidente degli USA Al Gore. Sono stati i primi giochi paralimpici ad essere completamente sostenuti dalle sponsorizzazioni private.

Discipline paralimpiche[modifica | modifica sorgente]

Erano presenti quindici discipline paralimpiche, più due dimostrative:

Medagliere[modifica | modifica sorgente]

Nazione O A B
Stati Uniti Stati Uniti 46 46 65
Australia Australia 42 37 27
Germania Germania 40 58 51
Regno Unito Regno Unito 39 42 41
Spagna Spagna 39 31 36
Francia Francia 35 29 31
Canada Canada 24 21 24
Paesi Bassi Paesi Bassi 17 11 17
Cina Cina 16 13 10
Giappone Giappone 14 10 12


Medaglie italiane[1][modifica | modifica sorgente]

Medaglie d’oro[modifica | modifica sorgente]

  • Alvise De Vidi 400 e 800 metri
  • Tiro con l'arco a squadre femminile vinto dalla bresciana Roberta Corsini

Medaglie d’argento[modifica | modifica sorgente]

Medaglie di bronzo[modifica | modifica sorgente]

Gallerie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elenco solo parziale

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]