Tennis in carrozzina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un atleta effettua un rovescio in una partita disputata ai XIII Giochi paralimpici estivi

Il tennis in carrozzina è uno sport simile al tennis, adattato per i disabili.

Regolamento[modifica | modifica sorgente]

Nel gioco del tennis in carrozzina la palla può rimbalzare due volte anziché una come nel tennis normale. Si gioca sia in singolo che in doppio. Ai giochi paralimpici di Londra 2012, nel singolo maschile ha trionfato il giapponese Kunieda Shingo, nel doppio (stavolta anche femminile) si sono conquistati l'oro maschile gli svedesi Olsson e Vikstrom e quello femminile il duo olandese formato da Scheffers e Vink. La sedia a rotelle è considerata parte integrante del corpo, perciò si perde il punto se:

  • La palla tocca qualunque cosa indossi ad eccezione della racchetta da tennis.
  • Il giocatore utilizza volontariamente una parte dei piedi o delle gambe come freni o come stabilizzatori (si ha un fallo).
  • Se si alza mentre colpisce la palla.

Se un giocatore con un handicap gioca con uno sano, quest’ultimo dovrà colpire la palla con un massimo di un rimbalzo, invece quello con l’handicap potrà rispondere la palla anche con due rimbalzi.

Il campo non ha nessuna variazione di lunghezza e di superficie.

La sedia a rotelle[modifica | modifica sorgente]

La sedia a rotelle è lievemente differente dalle altre, per dimensioni, assetto delle ruote, materiali e anche per la maneggevolezza.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]