Guglielmo Scilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Willwoosh)
Guglielmo Scilla al Secret Show di Freaks!

Guglielmo Scilla (Roma, 26 novembre 1987[1]) è un conduttore radiofonico, attore, scrittore e video blogger italiano, meglio conosciuto sul web come Willwoosh, il nome del suo canale YouTube.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Guglielmo Scilla nasce e cresce a Roma, dove frequenta prima il liceo classico Giulio Cesare e, successivamente, accantona gli studi universitari di medicina, di lettere e di interprete[2] per dedicarsi al suo lavoro su YouTube, dove diventa famoso con lo pseudonimo di "Willwoosh". Il suo canale, nel maggio 2011, risultava essere quello con più iscritti e il più visitato in Italia[3].

Willwoosh ha caricato il suo primo video su YouTube nel capodanno del 2009 (come sostiene in alcuni video del secondo canale) ma lo ha successivamente rimosso. In poco più di tre anni ha raggiunto i seguenti numeri: oltre 250 mila followers su Twitter, 539.479 mila iscritti al suo primo canale YouTube, oltre 500 mila fan su Facebook e, soprattutto, i suoi video hanno avuto oltre 73 milioni di visualizzazioni[senza fonte], decretandolo YouTuber Partner.

Nel 2010 ha recitato nel film Una canzone per te, diretto da Herbert Simone Paragnani, nel ruolo di Gino, un nerd deriso da tutta la scuola, amico del protagonista, il quale lo aiuta a tirare fuori le unghie fino a prendersi una bella rivincita sul suo rivale in amore, per conquistare il cuore della ragazza interpretata da Martina Pinto.

Nel 2011 è fra gli autori e attori della webserie fantascientifica Freaks! e conduce A tu per Gu su Radio Deejay, entrambi supportati da ShowReel con l'aiuto di Luca Leoni, tra l'altro autore del programma.

Lo stesso anno recita nel film Matrimonio a Parigi, diretto da Claudio Risi, nel ruolo di Diego[4]. Nel 2011 fa parte del cast del film 10 regole per fare innamorare nel ruolo del protagonista Marco, appassionato di astronomia e scienze, ma con la passione per l'insegnamento nella scuola materna. Il film esce nelle sale italiane il 16 marzo 2012. Il 22 febbraio, invece, è stato pubblicato il suo libro omonimo (scritto in collaborazione con Alessia Pelonzi), edito da Kowalski[2]. Nell'aprile del 2011 Disney l'ha voluto negli studi della Pixar per l'anteprima di Cars 2[2] e, nel 2012, per quella di Ribelle - The Brave[5].

Nel 2012, per i 30 anni di Radio Deejay, intervista dodici personaggi legati alla storia dell'emittente nel programma televisivo 30 gradi di separazione di Deejay TV[2]. Contestualmente conduce la diretta radiofonica della festa organizzata il 31 gennaio 2012, intervistando i protagonisti del presente e del passato dell'emittente, A tu per Gu (con Luca Leoni).

Nel maggio 2013 viene pubblicato il suo primo romanzo, L'inganno della morte, edito da Kowalski, e nel novembre dello stesso anno partecipa al film Fuga di cervelli, (regia di Paolo Ruffini) con altri Youtubers quali i PanPers e Frank Matano, nel ruolo di Lebowsy.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Webserie[modifica | modifica sorgente]

Programmi radiofonici e televisivi[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • Guglielmo Scilla, Alessia Pelonzi, 10 regole per fare innamorare, Kowalski, febbraio 2012, ISBN 9788874968107.
  • Guglielmo Scilla, Claudio Di Biagio, Giampaolo Speziale, Matteo Bruno, Freaks! Tutti i segreti, Kowalski, novembre 2012.
  • Guglielmo Scilla, L'inganno della morte, Kowalski, maggio 2013.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guglielmo Scilla, Antonelli Management. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  2. ^ a b c d Guglielmo Scilla, Cinema-tv.corriere.it. URL consultato il 22 marzo 2013.
  3. ^ Alessandro Alicandri, Guglielmo “Willwoosh” Scilla, l’intervista: la star di Youtube tra Radio Deejay e “Freaks!”, Panorama.it, 11 maggio 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  4. ^ Boldi: "il cinepanettone a Cortina, noi a Parigi con Rocco Siffredi", DoppioSchermo.it, 24 agosto 2011. URL consultato il 15 ottobre 2011.
  5. ^ Video negli studi della Pixar, San Francisco.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]