Vittorio Micolucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Micolucci
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra 600px Bianco e Azzurro2.svg San Nicolò
Carriera
Giovanili
Giulianova Giulianova
Squadre di club1
1999-2000 Giulianova Giulianova 6 (0)
2000-2001 Udinese Udinese 1 (0)
2001-2004 Pescara Pescara 57 (1)
2004-2007 Bari Bari 89 (0)
2007-2011 Ascoli Ascoli 128 (1)
2013 Giulianova Giulianova  ? (?)
2013- 600px Bianco e Azzurro2.svg San Nicolò  ? (2)
Nazionale
2000
2000-2001
2001
2002-2003
Italia Italia U-16
Italia Italia U-17
Italia Italia U-19
Italia Italia U-20
3 (0)
10 (1)
5 (2)
13 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 maggio 2011

Vittorio Micolucci (Giulianova, 14 agosto 1983) è un calciatore italiano, di ruolo difensore del San Nicolò.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Cresce nel Giulianova, squadra della sua città, e debutta nel campionato di Serie C1 con sei presenze all'età di 16 anni. Viene notato subito da alcuni osservatori dell'Udinese e durante il mercato invernale della stagione 1999-2000 viene tesserato dal club friulano. Nella stagione 2000-2001 debutta in Serie A. Torna in Abruzzo nella stagione 2001-2002, dove veste la maglia del Pescara per tre lunghe stagione, centrando nella stagione 2002-2003 anche la promozione in Serie B, alla quale contribuisce segnando anche un gol. Nel 2004 passa a titolo definitivo al Bari, in Serie B dove gioca da titolare, giocando in tre anni 89 partite. Dal 2007 al 2011 veste la maglia dell'Ascoli in Serie B giocando 128 partite, condite da un gol. Dopo lo scandalo del calcioscommesse che lo costringe a restare fuori dal calcio giocato per due anni, il 16 febbraio 2013 passa a titolo definitivo al Giulianova, squadra della sua città che in seguito al fallimento si ritrova a giocare il campionato di Eccellenza Abruzzo. Esordisce il giorno successivo, il 17 febbraio 2013 in trasferta contro lo Sporting Ortona (terminata 1-0) ma il suo arrivo viene aspramente criticato dai tifosi giuliesi.
Per la stagione successiva rimane nell'eccellenza abruzzese e milita nelle fila del San Nicolò.


Calcioscommesse[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scandalo italiano del calcioscommesse del 2011.

Il 1º giugno 2011 viene fermato dalla squadra mobile di Cremona nell'ambito di un'inchiesta su scommesse illegali nel calcio, basate sulla sospetta manipolazione dei risultati delle partite del campionato di Serie B e di Lega Pro, che coinvolge, tra gli altri, l'ex giocatore della Lazio e della Nazionale Beppe Signori, il capitano dell'Atalanta Cristiano Doni e l'ex calciatore ed attuale commentatore televisivo Stefano Bettarini.[1]

Il 3 agosto, durante il processo sportivo, ha ammesso le proprie colpe ed ha deciso di patteggiare, quindi è stato punito con quattordici mesi di squalifica.[2]

Il 31 maggio 2012 patteggiando viene squalificato per ulteriori quattro mesi.[3]

Nelle sue seguenti rivelazioni punta il dito contro Andrea Ranocchia e Antonio Conte, rispettivamente suo compagno e allenatore ai tempi del Bari, per le presunte combine di Treviso-Bari e Salernitana-Bari il primo[4] e Salernitana-Bari e Piacenza-Bari il secondo (2008-2009).[5][6][7]

Secondo un'informatica del Servizio Centrale Operativo della polizia, tra Micolucci e l'altro pentito Carlo Gervasoni ci furono 36 contatti.[8]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Udinese: 2000

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francesco Ceniti, Giuseppe Ercoli, Maxi-inchiesta sulle scommesse "Falsati i campionati di B e C" in Gazzetta dello sport.
  2. ^ Roberto Pelucchi, Le richieste di Palazzi "Atalanta in A a -7, Doni stop" in Gazzetta dello Sport.
  3. ^ SCOMMESSE: L'ATALANTA RIPARTE DA -2 - Due anni a Doni e 20 mesi a Carobbio, sportmediaset.it, 31 maggio 2012.
  4. ^ Ranocchia indagato per frode sportiva perde già l'Europa in La Gazzetta dello Sport, 2 agosto 2012, p. 28.
  5. ^ Scommesse, nuove accuse per Conte, sportmediaset.it, 30 luglio 2012.
  6. ^ Guai Ranocchia: indagato a Bari, sportmediaset.it, 1º agosto 2012.
  7. ^ Andrea Arzilli, Bari fabbrica di tarocchi in Corriere della Sera, 11 settembre 2012, p. 51.
  8. ^ Pesoli-Gervasoni, gli sms in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 2012, p. 17.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]