Andrea Ranocchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Ranocchia
Andrea Ranocchia FC Internazionale.jpg
Andrea Ranocchia con la maglia dell'Inter
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 195[1] cm
Peso 81[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Inter Inter
Carriera
Giovanili
1998-2004
2004-2006
Perugia Perugia
Arezzo Arezzo
Squadre di club1
2006-2008 Arezzo Arezzo 56 (1)
2008 Genoa Genoa 0 (0)
2008-2010 Bari Bari 34 (3)
2010-2011 Genoa Genoa 16 (2)
2011- Inter Inter 82 (5)
Nazionale
2007
2007-2010
2008
2010-
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
Italia Italia Olimpica
Italia Italia
3 (0)
13 (2)
1 (0)
12 (0)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Bronzo Svezia 2009
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 aprile 2014

Andrea Ranocchia (Assisi, 16 febbraio 1988) è un calciatore italiano, difensore dell'Inter e della Nazionale italiana.

Marco Materazzi, suo compagno di squadra ai tempi all'Inter, lo ha più volte definito come il suo erede.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Difensore centrale, possiede una buona tecnica, un gran colpo di testa, tempismo e sagacia tattica. Caso abbastanza raro per un difensore, è dotato di un piede di dimensioni ragguardevoli (calza scarpe numero 47)[3].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Assisi in provincia di Perugia,[4] Ranocchia ha cominciato la sua carriera giocando nel settore giovanile della squadra di calcio di Bastia Umbra.

Arezzo[modifica | modifica sorgente]

Ranocchia cresce nel settore giovanile del Perugia[5], ma dopo il fallimento della società viene aggregato alle giovanili dell'Arezzo. Nella stagione 2006-2007, sotto la guida di Antonio Conte[6], a 18 anni esordisce in Serie B, collezionando 24 presenze ed un gol. Nonostante la retrocessione della squadra aretina, la stagione successiva rimane ad Arezzo dove gioca titolare in Serie C1.

Bari[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate 2008 viene acquistato in comproprietà dal Genoa che ne acquisisce i diritti sportivi, e lo cede in prestito al Bari, in Serie B, dove ritrova Antonio Conte come allenatore[7]. Viene impiegato con continuità nella seconda parte della stagione, contribuendo alla vittoria del campionato con 17 presenze e un gol. Nell'estate 2009 il Genoa riscatta completamente il giocatore dall'Arezzo ma lo lascia nuovamente in prestito al Bari per la stagione seguente.[8][9]

Il 23 agosto 2009, a 21 anni, esordisce in Serie A nella partita Inter-Bari (1-1) disputata a San Siro. Il 18 ottobre, a Verona, realizza il suo primo gol in Serie A nella vittoria per 2-1 contro il Chievo. Alla fine del girone di andata, disputato su ottimi livelli, nella partita contro la Napoli del 10 gennaio 2010 si procura una lesione del collaterale esterno e una parziale lesione del crociato anteriore del ginocchio destro. Il grave infortunio determina purtroppo la chiusura anticipata della sua stagione.

Genoa[modifica | modifica sorgente]

Terminato il prestito al Bari, il giocatore entra a far parte della rosa del Genoa per la stagione 2010-2011, sotto la guida dell'allenatore Gian Piero Gasperini. Il 20 luglio 2010 l'Inter acquista la metà del cartellino del difensore,[10] per una cifra intorno ai 6 milioni di euro più il prestito con diritto di riscatto della compartecipazione di Destro, che rimane tuttavia nelle fila del Genoa.[11] Ranocchia debutta con il Genoa alla prima giornata di campionato, il 28 agosto contro l'Udinese. Il 13 novembre il suo primo gol con il Genoa è decisivo per la vittoria in trasferta contro il Cagliari (1-0).

Inter[modifica | modifica sorgente]

Ranocchia nel 2011

Il 27 dicembre il Presidente del Genoa, Enrico Preziosi, annuncia di aver ceduto l'altra metà del cartellino all'Inter per la cifra di 12,5 milioni di euro, per un totale quindi di 18,5 milioni[12] e la cessione di Destro in prestito con diritto di riscatto dell'intero cartellino. Il 3 gennaio 2011, all'apertura della sessione invernale di calciomercato, viene ufficializzato il riscatto della compartecipazione da parte dell'Inter, con la quale il giocatore si stava già allenando dal 29 dicembre[13]. Ranocchia firma un contratto valido fino al 30 giugno 2015 da 2,1 milioni a stagione.[14] Fa il suo esordio in maglia nerazzurra il 12 gennaio 2011 negli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Genoa, partita vinta per 3-2 dai nerazzurri.[15]

Il 19 febbraio segna la sua prima rete con la maglia dell'Inter, realizzando il gol decisivo nella partita di campionato Inter-Cagliari (1-0).[16] Infine il 23 febbraio esordisce nelle coppe europee, nella partita di andata degli ottavi di Champions League contro il Bayern Monaco. Il 29 maggio 2011 vince il suo primo titolo con l'Inter battendo in finale di Coppa Italia il Palermo per 3-1. Nella stagione seguente, va a segno in una sola occasione: il 18 dicembre, con una rete che regala all'Inter la vittoria contro il Cesena.

L'annata 2012-13, che vede Andrea Stramaccioni sulla panchina nerazzurra, comincia bene per il giocatore che ottiene ben presto un posto da titolare. Il 22 novembre, nella gara di Europa League persa 3-0 contro il Rubin Kazan indossa per la prima volta la fascia di capitano per via delle assenze di Zanetti, Cambiasso e Samuel[17]. Il 15 gennaio 2013 nei quarti di finale di Coppa Italia contro il Bologna, segna quasi allo scadere dei tempi supplementari il definitivo 3-2 per l'Inter che qualifica i nerazzurri alle semifinali. In campionato realizza due gol, entrambi di testa, contro Bologna e Chievo.

Inizia la stagione 2013-2014 con una rete nella sfida contro il Cittadella, in occasione dei trentaduesimi di finale di Coppa Italia, partita finita 4-0 per i nerazzurri. Esordisce in campionato nella partita casalinga del 25 agosto contro il Genoa finita 2-0. Il 3 novembre in occasione dell'undicesima giornata segna la sua prima rete stagionale in campionato contro l'Udinese nella partita finita 0-3 per la sua squadra.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ranocchia ha esordito con la Nazionale Under-21 a 19 anni, con il tecnico Casiraghi, nell'amichevole Italia-Francia (2-1) del 21 agosto 2007, in cui entra al 57' al posto di Fabiano Santacroce.[18] È stato inserito nella lista delle 4 riserve per le Olimpiadi di Pechino, e ha esordito nella Nazionale Olimpica il 22 luglio 2008 entrando in campo durante l'ultima amichevole di preparazione al torneo, Italia-Romania (1-1), giocata a Pistoia, dove è subentrato a Lorenzo De Silvestri al 25' del secondo tempo.

Viene convocato per gli Europei Under-21 in Svezia. Il 9 giugno 2009, nella partita amichevole Danimarca-Italia (0-4), realizza il suo primo gol con l'Under-21. Il 19 giugno debutta nell'Europeo entrando nel secondo tempo della partita contro la Svezia. L'11 agosto 2010 ritorna in campo dopo il suo infortunio al ginocchio e realizza il suo secondo gol con l'Under-21, nell'amichevole contro la Danimarca giocata a Viareggio.

Il 14 novembre riceve la prima convocazione in Nazionale maggiore, chiamato dal commissario tecnico Cesare Prandelli.[19] Il 17 novembre 2010, a 22 anni, esordisce in Nazionale giocando da titolare nella partita amichevole Romania-Italia (1-1) disputata a Klagenfurt.[20] Dopo essere stato inserito nella lista dei 32 giocatori pre-convocati per l'Europeo 2012, non viene confermato nella lista definitiva dei 23 convocati. Il 6 febbraio 2013, torna ad indossare la maglia azzurra venendo impiegato nella partita amichevole pareggiata per 1-1 contro l'Olanda ad Amsterdam.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Già chiamato dalla procura federale a testimoniare come persona informata sui fatti per alcune partite truccate dai suoi compagni del Bari, il 1º agosto 2012 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Bari poiché chiamato in causa dai suoi ex compagni ai tempi del Bari Vittorio Micolucci e Andrea Masiello per le presunte combine di Salernitana-Bari del campionato 2008-2009.[21][22] Nel gennaio 2013 viene reso noto che il pm Ciro Angelillis ha chiesto l'archiviazione per il difensore dell'Inter,[23] poi ottenuta il 6 giugno dello stesso anno.[24][25]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 13 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007 Italia Arezzo B 24 1 CI 5 1 - - - - - - 29 2
2007-2008 C1 32 0 CI-C 0 0 - - - - - - 32 0
Totale Arezzo 56 1 5 1 61 2
2008-2009 Italia Bari B 17 1 CI 0 0 - - - - - - 17 1
2009-2010 A 17 2 CI 1 0 - - - - - - 18 2
Totale Bari 34 3 1 0 35 3
2010-gen. 2011 Italia Genoa A 16 2 CI 1 0 - - - - - - 17 2
gen.-giu. 2011 Italia Inter A 18 1 CI 4 0 UCL 4 0 - - - 26 1
2011-2012 A 12 1 CI 2 0 UCL 2 0 SI 1 0 17 1
2012-2013 A 32 2 CI 3 1 UEL 10[26] 0 - - - 45 3
2013-2014 A 20 1 CI 2 1 - - - - - - 22 2
Totale Inter 82 5 11 2 16 0 1 0 110 7
Totale carriera 188 11 18 3 16 0 1 0 223 14

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Bari: 2008-2009
Inter: 2010-2011

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2010-2011
Squadra dell'anno: 2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b F.C. Internazionale - Sito Ufficiale
  2. ^ Materazzi: "Cassano, uno vero Non fa male a chi crede in lui" in La Gazzetta dello Sport, 13 settembre 2012.
  3. ^ Ranocchia diffidato: Strama lo risparmia per la Juve | Rassegna stampa | Calciomercato.com
  4. ^ Il luogo di nascita è Bastia Umbra come riportato in questa sua intervista. Il sito della FIGC riporta Bastia Umbra mentre sul sito ufficiale dell'Inter viene riportato Assisi.
  5. ^ tuttomercatoweb.com, Ranocchia a 360°: "Quella volta che feci da raccattapalle a Materazzi...", 12 febbraio 2011.
  6. ^ fcinternews.it, Tutto Ranocchia: da Bastia Umbra all'Inter, fino ai... supermercati!, 1º aprile 2011.
  7. ^ IL GENOA PRENDE RANOCCHIA E LO DA' AL BARI in genoacgc.it, 11 luglio 2008.
  8. ^ Genoa, arriva Ranocchia Tuttosport.com
  9. ^ Il Genoa non si ferma più, preso anche Ranocchia dall'Arezzo
  10. ^ Calcio Mercato Squadre - legaseriea.it
  11. ^ Mercato: Ranocchia, 5 anni per l'Inter in inter.it, 21 luglio 2010.
  12. ^ Preziosi: Ranocchia va all'Inter: 12,5 milioni per la seconda metà in Tuttomercatoweb.com, 27 dicembre 2010.
  13. ^ Mercato: Ranocchia sino al 2015, inter.it, 3 gennaio 2011. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  14. ^ Rivoluzione ingaggi: la lista attuale e il tetto futuro, che taglio dei costi!, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  15. ^ Eto'o lancia l'Inter ai quarti, Al Genoa non riesce la rimonta, gazzetta.it, 12 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  16. ^ Inter 1 - Cagliari 0
  17. ^ Juan a 360°: "All'Inter per 20 anni e vinco tutto. E mi scoprirono così..." Tuttomercatoweb.com, 12 dicembre 2012
  18. ^ Referto Italia Under 21 - Francia Under 21 del 21/08/2007, figc.it. URL consultato il 21 luglio 2010.
  19. ^ Balzaretti, Diamanti, Ledesma e Ranocchia le novità tra i 23 azzurri Figc.it
  20. ^ Italia in sonno: 1-1 con la Romania sportmediaset.mediaset.it
  21. ^ Guai Ranocchia: indagato a Bari, sportmediaset.it, 1º agosto 2012.
  22. ^ Ranocchia indagato per frode sportiva perde già l'Europa in La Gazzetta dello Sport, 2 agosto 2012, p. 27.
  23. ^ Scommesse Bari, indagini chiuse Archiviazione per Ranocchia, gazzetta.it, 7 gennaio 2013.
  24. ^ Calcioscommesse, Bari-bis: deferito Gillet per illecito sportivo, prosciolto Ranocchia, La Repubblica, 6 giugno 2013.
  25. ^ Calcioscommesse, ecco i deferimenti Archiviato Ranocchia, Gillet rischia 5 anni, Il Corriere della Sera, 6 giugno 2013.
  26. ^ 3 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]