Vanda (botanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vanda
Vanda coerulescens flower.jpg
Vanda coerulescens
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Vandeae
Sottotribù Aeridinae
Genere Vanda
Gaud. ex Pfitzer
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Specie

vedi testo

Vanda Gaud. ex Pfitzer è un genere di piante della famiglia delle Orchidacee cui appartengono circa 80 specie originarie di India, Cina, Malesia, Indonesia e Australia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

In natura crescono spesso su cortecce di altre piante e sono sprovviste di pseudobulbi.

Le foglie possono essere piatte o cilindriche o con forme intermedie.

Le radici sono grandi e carnose.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Ibridi[modifica | modifica sorgente]

  • Vanda × amoena (V. coerulea × V. tessellata)
  • Vanda × boumaniae (V. insignis × V. limbata)
  • Vanda × charlesworthii (V. bensonii × V. coerulea)
  • Vanda × confusa (V. coerulescens × V. lilacina)

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Non amano i vasi ma devono essere lasciate all'aria aperta per poter accedere all'umidità presente nell'aria. Solitamente, sono riposte in panieri appesi.

Se coltivate in condizioni ottimali, possono fiorire anche 3 volte all'anno.

Le specie con foglie piatte si adattano bene ad essere coltivate in casa in posizione ombreggiat; quelle con foglie cilindriche: devono essere coltivate all'esterno in quanto hanno bisogno di grandi quantità di luce.

Le Vanda tollerano temperature notturne di 12 °C e diurne di anche 30 °C. Se sono coltivate in panieri sospesi, devono essere annaffiate anche tutti i giorni in primavera / estate. L'umidità ottimale per questo tipo di pianta è intorno all'80%.

Le Vanda devo essere concimate con frequenza, di più in primavera, ma evitando l'accumulo di sali minerali sulle radici. Per fare ciò, è necessario mantenere umido il substrato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vanda in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 28 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Grove, D. L. 1995. Vandas and Ascocendas. Timber Press, Portland, Oregon. 241 pp.
  • Motes, Martin R., and Alan L. Hoffman. 1997 Vandas, Their botany, history and culture. ISBN 0-88192-376-1

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]