Uemon Ikeda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uemon Ikeda, nome d'arte di Tatsuo Ikeda (Kōbe, 1952), è un artista e pittore giapponese.

Negli anni settanta si trasferisce da Tokyo a Roma sua città di adozione dove frequenta l'Accademia di belle arti, seguendo le lezioni del maestro Venanzo Crocetti e si diploma nel 1977.

Negli anni ottanta conosce Simonetta Lux che lo invita a partecipare alla collettiva "Simultaneità - Nuove Direzioni dell'Arte Contemporanea Giapponese" a Palazzo Braschi, Roma (1991), seguita da numerose altre.

Nel 1989 espone a Tokyo (mostra personale) “Uemon Ikeda”, presso la Lunami Gallery (testo Masaaki Iseki) curata da Emiko Namikawa e nel 2011 sempre a Tokyo, presso TOKI Art Space mostra personale “Golden Fleece - Jason The beautiful Medea” curata da Noriko Toki ex assistente Emiko Namikawa presso Lunami Gallery.

Nel 1997 partecipa al terzo festival di arte e poesia a Bomarzo "Incantesimi. Scene d’arte e poesia. VICINANZE" ideato da Simonetta Lux e Miriam Mirolla, (Museo Laboratorio delle Arti Contemporanee dell'Università della Tuscia), Palazzo Orsini.

In quella occasione incontra numerosi artisti che rivestono un ruolo molto importante nel panorama artistico italiano, tra cui Gianfranco Baruchello, Fabrizio Crisafulli, Giovanni Di Stefano, Andrea Fogli, Stefano Fontana, Robert Gligorov, Jannis Kounellis, Renato Mambor, Fabio Mauri, Hidetoshi Nagasawa, Achille Perilli.

Nel 2000 espone a Roma al Museo laboratorio di arte contemporanea dell'Università La Sapienza (mostra personale) Uemon Ikeda-Acrobazia e scrive un libro: Uemon Ikeda - Simonetta Lux, Acrobazia edito dalla Lithos, Roma, 2000.

Nel 2005 espone nuovamente al Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Università di Roma 1 “La Sapienza” (mostra personale) Uemon Ikeda - un ragazzo che voleva vivere nel rettangolo a cura di Simonetta Lux.

Nel 2010 espone alla galleria Hybrida Contemporanea, Roma (mostra personale) Giasone e la bella Medea a cura di Emanuela de Notariis.

Nel 2011 partecipa alla collettiva L’Artista come Rishi - MNAO, Museo d’Arte Orientale "G. Tucci" a cura di Lori Adragna e Mary Angela Schroth da un’idea di Lori Adragna e Enzo Barchi. I suoi lavori sono stati esposti nella sezione di arte giapponese.

Nel 2012 espone presso lo studio galleria EMBRICE, Roma (mostra personale) Post-strutture: linee, fili, labirinti di Uemon Ikeda a cura di Simonetta Lux e Carlo Severati, con un filmato di Carlo Tomassi L’infanzia di Tatsuo e un’intervista a Ikeda a cura di Emma Tagliacollo.

Partecipa all’iniziativa LUDUS a cura di Francesco Gallo Mazzeo presenta un’installazione Filo di Arianna in piazza Trilussa, Roma in occasione della Festa de noantri, 2012.

Prende parte alla Giornata Europea della Cultura Ebraica il 2 settembre 2012 realizza presso i giardini del Tempio Maggiore di Roma - principale Sinagoga un'installazione Post strutture di Uemon Ikeda. Installazione raffigurante la Stella di David a cura di Anna Lisa Secchi - Delegata alle politiche culturali del Municipio centro storico di Roma organizzata dal Direttore del centro di Cultura Ebraica Miriam Haiun.

A febbraio 2013 partecipa alla collettiva Io Klimt a Palazzo dei Consoli di Gubbio a cura di Francesco Gallo Mazzeo.

Nel mese di aprile 2013 installazione Avere o non Avere presso la piazza del Campidoglio in occasione della Giornata della Terra. Progetto curato dal Professor Francesco Gallo Mazzeo e dallo Studio Marta Bianchi.

Partecipa alla mostra antologica: Ritratto di una città #2. Arte a Roma 1960 – 2001 progetto che, dopo la prima mostra (novembre 2012 – aprile 2013), continua l’approfondimento delle vicende dell’arte contemporanea a Roma dal 1960 al 2001. In corso dal 16 maggio sino al 15 settembre 2013 al MACRO nella sede di via Nizza 138 a Roma.

In occasione della Giornata del Contemporaneo 5 ottobre 2013 - [1] - installazione: Architetture aeree: linee, fili, webnet all’esterno del MAXXI [2] [3] sulla piazza.

La sua opera è stata sostenuta dai critici Iseki Masaaki, direttore del Tokyo Metropolitan Teien Art Museum; da Simonetta Lux e dall'argentino Carlos Spartaco.

Vive e lavora a Roma.