Palazzo Braschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 41°53′50.85″N 12°28′22.15″E / 41.897458°N 12.472819°E41.897458; 12.472819

Palazzo Braschi - Facciata su Piazza San Pantaleo

Palazzo Braschi è un palazzo romano, sito nel rione Parione, compreso tra Piazza San Pantaleo, via San Pantaleo, via della Cuccagna e Piazza Navona.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia del caseggiato dove ora è sito Palazzo Braschi, e presso cui precedentemente vi era Palazzo Orsini, ha inizio nel 1435, quando Francesco Orsini (l'allora prefetto di Roma) fece costruire il suo palazzo: il primo dei corpi che ha definito l’intero futuro palazzo. Questo edificio aveva il suo accesso principale su Piazza Navona. Nel 1501 il Cardinale Carafa fece edificare un secondo corpo di fabbrica, che comprendeva un frammento di un antico gruppo statuario trovato nei pressi dell'edificio, che prese da allora il nome di Pasquino. Nel 1516 Antonio da Sangallo il Giovane fabbricò, sull’angolo tra Piazza Navona e Via della Cuccagna, una torre. Le planimetrie ottocentesche di Roma, ci testimoniano la ormai completa formazione dell’edificio, con annessa corte centrale.

Nel 1791, per volere di papa Pio VI, iniziò la demolizione di Palazzo Orsini per far posto ad un nuovo edificio, di proprietà dei Braschi. Finanziato dalle casse dello stesso Papa, il nuovo edificio fu costruito dall'architetto imolese Cosimo Morelli su commissione di Luigi Braschi Onesti. Nel 1798 i lavori furono interrotti causa la rivoluzione francese e la relativa morte di Pio VI per poi riprendere nel 1802.

Il fabbricato, comprendente lo scalone barocco interno, fu terminato nel 1804, anche se alla morte di Luigi Braschi nel 1816 risultò ancora incompiuto. Gli eredi lo vendettero allo stato nel 1871, il quale lo destinò a sede del Ministero dell'Interno, oggi trasferita al Palazzo del Viminale.

Durante il periodo mussoliniano fu sede di istituzioni del regime, e nell'autunno del 1943, dopo la fuga a Brindisi di Badoglio e dei Savoia, divenne sede del Partito fascista repubblicano. I repubblichini romani erano allora rappresentati da una banda di fascisti seviziatori e razziatori autoproclamatisi Guardia Armata di Palazzo Braschi (molto più conosciuta dai romani come banda Bardi-Pollastrini). Finita la guerra e fino al 1949 vi abitarono dei senzatetto, e famiglie sfollate a causa della stessa guerra. Tre anni dopo il palazzo divenne sede del Museo di Roma, la cui gestione passò successivamente dallo stato al comune di Roma.

Nel 1987 fu chiuso per gravi danneggiamenti e per incuria.

Riaperto parzialmente nel 2002, i lavori per il restauro sono stati ultimati nel 2010.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Il posizionamento di Palazzo Braschi è di particolare interesse innanzitutto perché è sito in una delle zone più antiche di Roma e inoltre perché volge uno dei suoi fronti sull’antico "Stadium di Domiziano". Si tratta di un palazzo barocco-neoclassico di forma trapezoidale, di cui il lato di dimensioni maggiori si affaccia direttamente su Piazza Navona, il lato minore volge il suo fronte su piazza San Pantaleo, dov'è l'ingresso principale, piazza che si dirama da Corso Vittorio Emanuele II presso il Museo Barracco. All'interno vi è un cortile quadrangolare, da cui ci si immette nel museo (ove si accede dalla scalinata barocca) e nella sala convegni, a sinistra, nella collezione di carrozze d'epoca, a destra, e nella libreria, dritto, davanti all'ingresso principale. Il palazzo si compone di due piani, oltre il pianterreno e del sottotetto.

Bibliografia essenziale[modifica | modifica sorgente]

  • Lucia Funari, (a cura di), Palazzo Braschi. Immagini di un restauro, Roma, Kappa, 2002.
  • Anita Margiotta, Mariagrazia Massafra, Un percorso fotografico a Palazzo Braschi 1870 – 1987, Roma, Gangemi, 2002
  • Carlo Pietrangeli, Palazzo Braschi, Roma, Istituto di Studi Romani, 1958.
  • Carlo Pietrangeli, Il museo di Roma: documenti e iconografia, Bologna, Cappelli, 1971.
  • Emiliana Ricci, Palazzo Braschi. Storia ed architettura di un edificio settecentesco, Roma, Palombi, 1989.

Bibliografia di approfondimento[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Muñoz, Il Museo di Roma, Roma, Governatorato di Roma, 1930.
  • Autori vari, a cura di R. Leone, F. Pirani, Il Museo di Roma racconta la città. Guida breve. Roma, Gangemi, 2002.
  • Antonio Muñoz, Catalogo della mostra delle opere di Bartolomeo Pinelli, Roma, Museo di Roma, aprile–maggio 1935. Tumminelli, Roma, 1935
  • Autori vari, Mostra della fotografia a Roma dal 1840 al 1915, Roma, Museo di Roma, 1953. Roma, Ente Provinciale del Turismo, 1953
  • Autori vari, Mostra delle novità dei musei comunali: acquisti, ritrovamenti, restauri, Roma, Museo di Roma, maggio 1954. Palombi editore, Roma, 1954
  • Autori vari, Mostra delle opere donate ai musei del Comune di Roma negli anni 1951,1952, 1953. Roma, Museo di Roma, maggio 1954. Palombi, Roma, 1954
  • Autori vari, Mostra di Benedetto Pistrucci (1784-1855), Roma, Palazzo Braschi, 10 dicembre 1955 – 10 gennaio 1956. Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1955
  • Autori vari, Seconda mostra delle novità dei musei comunali: acquisti, doni, restauri (1955-1959), Roma, Museo di Roma, 18 – 25 ottobre 1959. Roma, Tipografia Centenari, 1959
  • Autori vari, a cura di F. Pansecchi, Vedute della Campagna Romana. Incisioni e disegni donati al Museo di Roma dal barone Basile de Lemmerman, Roma, Palazzo Braschi, dicembre 1964 – gennaio 1965. Roma, De Luca, 1964
  • Autori Vari. Novità dei Musei comunali: acquisti, doni, restauri 1959-1964, catalogo della mostra a cura di C. Pericoli Ridolfini, Roma, Palazzo Braschi, 1965. Roma, Istituto Grafico Tiberino, 1965
  • Autori vari, Itinerario, a cura di A.M. Colini, C. Pietrangeli, C. Pericoli Ridolfini, Museo di Roma. 2ª edizione Roma, s.n., 1966
  • Autori vari a cura di A. Giovanetti, G. Di Domenico Cortese, P. Hoffmann, C. Pietrangeli, Villa Borghese, Roma, Palazzo Braschi, dicembre 1966 – gennaio 1967. Roma, De Luca editore, 1966
  • Autori vari,Vedute romane di Achille Pinelli (1809-1841), Roma, Palazzo Braschi, 17 giugno – luglio 1968. Roma, De Luca, 1968
  • Autori vari, a cura di G. Incisa della Rocchetta, Vedute romane di Stefano Donadoni (1844-1911), catalogo della mostra Roma, Palazzo Braschi, dicembre 1972. Roma, Palombi editore, 1972
  • Autori vari, a cura di M.E. Tittoni e L. Cavazzi, Roma Giacobina, Roma, Palazzo Braschi, 18 dicembre 1973 – 31 gennaio 1974. Roma, Tipografia Centenari, 1973
  • G. Incisa della Rocchetta, Gregorovius, Roesler Franz e il Museo di Roma. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", № 12, 1975, da pag. 33 a pag.39
  • G. Incisa della Rocchetta, Le mostre a Palazzo Braschi e il Museo di Roma. In: "L’Urbe", № 39, 1976, pagg. 1-4
  • Autori vari, a cura di G. Incisa della Rocchetta, L. Cavazzi, M.E. Tittoni, R. Varoli-Piazza, Roma sparita. Mostra di disegni e acquerelli dal sec. XVI al XX dalla donazione della Contessa Anna Laetitia Pecci Blunt al Museo di Roma, Roma, Palazzo Braschi, marzo - aprile, 1976. Roma, Palombi editore, 1976
  • G. Incisa della Rocchetta, Nuove schede per il catalogo delle opere di Achille Pinelli nel Museo di
  • Autori vari, a cura di P. Becchetti, Roma dei fotografi al tempo di Pio IX (1846 – 1878). Fotografie da collezioni danesi e romane, , Copenaghen, Museo Thorvaldsen, 1977 - Roma, Palazzo Braschi, 1977. Roma, Multigrafica editrice, 1977
  • Autori vari, a cura di G. Di Domenico Cortese e L. Barroero, Mostra delle opere del pittore Cesare Mariani (1826-1901) conservate nel Museo di Roma, Roma, Palazzo Braschi, novembre - dicembre, 1977. Roma, Palombi editore, 1977
  • Autori vari, a cura di L. Cavazzi, "Fochi d'allegrezza" a Roma dal Cinquecento all'Ottocento, Roma, Palazzo Braschi, 15 settembre - 31 ottobre 1982. Roma, Quasar editore, 1982
  • Autori vari, a cura di L. Cavazzi, M.E. Fittoni - Luigi Rossini incisore. Vedute di Roma 1817-1850, Roma, Palazzo Braschi, 7 aprile -15 luglio 1982. Roma, Multigrafica, 1982
  • Autori vari, mostra a cura di L. Cavazzi, R. Leone, A. Margiotta, R. Piccininni, S. Tozzi, Una città di pagina in pagina. Fotografie e illustrazioni, Palazzo Braschi, gennaio-marzo 1984. Venezia, Marsilio, 1984
  • Autori vari, a cura di L. Cavazzi, A. Margiotta, S. Tozzi, Piranesi e la veduta del Settecento a Roma, Roma, Palazzo Braschi – Mogliano Veneto, Villa la Marignana-Benetton, 1989. Roma, Artemide, 1989
  • 0. Mazzucato, Introduzione alla ceramica medioevale del Museo di Roma. Roma, Palombi editore, 1990
  • T. Pasotto, a cura di E. Kieven, Un itinerario al Museo di Roma. La ceramica. Roma, Palombi editore, 1990
  • Autori vari, Architettura del Settecento a Roma nei disegni della raccolta grafica comunale, Roma, Palazzo Braschi, 24 settembre -10 novembre 1991. Roma, Carte Segrete editore, 1991
  • Autori vari, a cura di L. Cavazzi, Una collezionista e mecenate romana: Anna Laetitia Pecci Blunt, 1885-1971, Roma, Palazzo Braschi, 26 novembre 1991- 6 gennaio 1992. Roma, Carte Segrete editore, 1991
  • Autori vari, La fotografia a Roma dal secolo XIX. La veduta, il ritratto, l'archeologia, atti del convegno organizzato dall’Archivio Fotografico Comunale, Roma, Palazzo Braschi, 12-13 dicembre 1989. Roma, Artemide, 1991
  • A. Margiotta, "Rome 1857". Un album di antiche vedute fotografiche romane. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma ", № 5, 1991, pagg. 83-90
  • C. Spetia, I mobili del Museo di Roma. Stili, forme, tendenze dal XV al XIX secolo. Roma, Palombi editore, 1991
  • Autori vari, a cura di L. Cavazzi, R. Leone, M.G. Massafra, Incisioni romane dal 500 all’800 nella collezione Muñoz. Il catalogo informatizzato della raccolta grafica comunale, Roma, Palazzo Braschi, 27 maggio - 4 luglio 1993. Roma, Carte Segrete, 1993
  • Autori vari, a cura di M.G. Massafra, Acquerelli di Achille Pinelli. Un fondo recentemente restaurato, Roma, Palazzo Braschi, 3 giugno - 31 luglio 1994. Roma, Photolaser, 1994
  • Autori vari, a cura di A. Margiotta, G.B. Falda e i suoi divulgatori. Scenografie urbane di Roma barocca, Roma, Palazzo Braschi, 3 dicembre 1994 - 22 gennaio 1995. Roma, Photolaser, 1994
  • Autori vari, a cura di S. Tozzi, Giuseppe Vasi incisore (1710-1782), Roma, Palazzo Braschi, 30 settembre - 20 novembre 1994. Roma, Photolaser, 1994
  • Autori vari, a cura di V. Casale, L. Cavazzi, E.B. Di Gioia, R. Leone, A. Pinelli, E. Ricci, S. Susino, Per il nuovo Museo di Roma,. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", № 8, 1994, pagg. 178-185
  • Autori vari, a cura di V. Casale, L. Cavazzi, E.B. Di Gioia, R. Leone, A. Pinelli, E. Ricci, S. Susino, Per il nuovo Museo di Roma,. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", № 9, 1995, pagg. 163-178
  • L. Pirzio Biroli Stefanelli, "Avea il Marchese Sommariva una sua favorita idea…". Opere di incisori romani documentate nella collezione Paoletti. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", № 9, 1995, pagg. 104-116.
  • Autori vari, a cura di V. Casale e L. Cavazzi, Palazzo Braschi riscopre i suoi tesori, Roma, Protomoteca Capitolina, 2 - 3 febbraio 1994. Roma, Archivio Guido Izzi, 1995
  • L. Pirzio Biroli Stefanelli, Opere di Benedetto Pistrucci nel Museo di Roma. Roma, Palombi, 1995
  • Autori vari, Kissner & Roma. Un fondo bibliografico informatizzato del Gabinetto Comunale delle Stampe (sec. XVI - XIX), Roma, Palazzo Braschi, 29 marzo – 2 giugno 1996. Roma, Artemide editrice, 1996
  • L. Pirzio Biroli Stefanelli, "Avea il Marchese Sommariva una sua favorita idea…". Le incisioni di Giovanni Beltrami. In: "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", № 11, 1997, pagg. 111-131
  • Piranesi and the XVIII century view of Rome, a cura di L. Cavazzi, A. Margiotta, S. Tozzi. Roma, Artemide, 1998 (Traduzione in inglese del catalogo della mostra tenuta a Roma, Palazzo Braschi e a Mogliano Veneto nel 1989)
  • M.E. Tittoni, L'alcova a Palazzo Braschi: dalla dispersione all'acquisizione nelle collezioni del Museo di Roma, in "Filippo Bigioli e la cultura neoclassico-romantica fra le Marche e Roma", catalogo della mostra a cura di G. Piantoni, San Severino Marche, Palazzo di Città, 18 luglio-11 ottobre 1998. Roma, De Luca, 1998, pagg. 44-48
  • Autori vari, a cura di H. Hager, Carlo Fontana: L’anfiteatro Flavio. Edizione anastatica del manoscritto nel Museo di Roma, Roma, Gangemi, 2002
  • F. Del Prete, Il fondo fotografico del piano regolatore di Roma 1883. La visione trasformata. Roma, Gangemi, 2002
  • E.B. Di Gioia, Le collezioni di scultura del Museo di Roma: il Seicento. Roma, Campisano, 2002
  • Autori vari, a cura di R. Leone, F. Pirani, M.E. Tittoni, S. Tozzi, Il Museo di Roma racconta la città, Roma, Palazzo Braschi, 4 maggio 2002. Roma, Gangemi, 2002
  • Autori vari, a cura di Sergio Guarino, Maria Elisa Tittoni, Simonetta Tozzi "... Il fin la maraviglia". Splendori di Corte e scena urbana tra Sei e Settecento dalle collezioni del Museo di Roma, (Torino, Fondazione Pietro Accorsi, 25 marzo - 3 luglio 2005). Torino, Omega Arte, 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]