Tarentola chazaliae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Geco dall'elmetto
Tarentola chazaliae04.jpg
Tarentola chazaliae
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Lacertilia
Infraordine Gekkota
Famiglia Phyllodactylidae
Genere Tarentola
Specie T. chazaliae
Nomenclatura binomiale
Tarentola chazaliae
(Mocquard, 1895)
Sinonimi

Geckonia chazaliae
Mocquard, 1895

Il geco dall'elmetto (Tarentola chazaliae (Mocquard, 1895)) è un piccolo sauro della famiglia Phyllodactylidae[2][3].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli esemplari adulti possono misurare fino a 10 cm di lunghezza, coda compresa. Questo geco è di aspetto tozzo ed ha una grossa testa che ricorda un elmetto, che ha determinato il suo nome volgare. La colorazione è grigio oppure marrone con macchie chiare sul dorso. Presenta lamelle subdigitali adesive sulle dita, ma non è un buon arrampicatore.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle zone desertiche con dune, trova spesso rifugio tra le piante di Euphorbia echinus. Si nutre di insetti, in particolare formiche.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie diffusa nell'Africa nordoccidentale, in particolare Marocco, Sahara Occidentale, Mauritania e Senegal[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Wilms, T., Wagner, P., Geniez, P., Mateo, J.A., Joger, U., Pleguezuelos, J., Slimani, T. & El Mouden, E.H., 2013, Tarentola chazaliae in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b Tarentola chazaliae in The Reptile Database. URL consultato il 3 giugno 2014.
  3. ^ Catalogue of life:Tarentola chazaliae. URL consultato il 2 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]