Tanta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la costituzione giustinianea, vedi Constitutio tanta.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tanta
città
in arabo: طنطا
Tanta – Veduta
Localizzazione
Stato Egitto Egitto
Governatorato Gharbiyya
Territorio
Coordinate 30°47′N 31°00′E / 30.783333°N 31°E30.783333; 31 (Tanta)Coordinate: 30°47′N 31°00′E / 30.783333°N 31°E30.783333; 31 (Tanta)
Altitudine 12 m s.l.m.
Abitanti 411 606 (stima 2007)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Egitto
Tanta

Tanta in arabo: طنطا, Ṭanṭā è una città dell'Egitto, capoluogo del Governatorato di Gharbiyya. Si trova nella regione del Delta del Nilo a circa 94 km a nord del Cairo e 130 km a sud-est si Alessandria.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città si trova lungo il canale di irrigazione detto Canale di Shibin, quasi a metà strada tra il ramo di Rosetta (a ovest) e quello di Damietta (a est) del Nilo. È collegata al Cairo e ad Alessandria da una superstrada; è anche un importante nodo ferroviario per il collegamento del Cairo ad Alessandria e Damietta.

Tanta è un attivo centro agricolo, con industrie tessili per la lavorazione del cotone e industrie alimentari. È inoltre famosa per i suoi dolci, degustati durante le feste del mawlid.

Nella principale moschea della città, detta al-Sayyid al-Badawi, si trova la tomba del riverito sufi islamico Ahmad al-Badawi fondatore della Confraternita islamica della Badawiyya.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Tanta è sede di un'importante università. Fu fondata nel 1962 come succursale dell'Università di Alessandria, con la sola facoltà di Medicina. Successivamente si aggiunsero le facoltà di Scienze, Agricoltura e Istruzione e l'università diventò autonoma nel 1972 con il nome di Università del Medio Delta. Infine diventò Università di Tanta nel 1973. Da allora si sono aggiunte le facoltà di Ingegneria nel 1977, la facoltà di Diritto nel 1981, l'istituto di Scienze Infermieristiche e la facoltà di Medicina Veterinaria nel 1982, poi la facoltà di Agraria nel 1992, e, infine, la facoltà di Educazione Fisica nel 1994.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]