Marsa Matruh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Marsa Matruh
città
مرسى مطروح
Marsa Matruh – Veduta
Localizzazione
Stato Egitto Egitto
Governatorato Matruh
Territorio
Coordinate 31°21′N 27°14′E / 31.35°N 27.233333°E31.35; 27.233333 (Marsa Matruh)Coordinate: 31°21′N 27°14′E / 31.35°N 27.233333°E31.35; 27.233333 (Marsa Matruh)
Altitudine 30 m s.l.m.
Abitanti 68 339 (2005)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Egitto
Marsa Matruh

Marsa Matrouh (Arabo مرسى مطروح, Marsā Maṭrūḥ) è un porto marittimo egiziano, capoluogo del Governatorato di Matruh. La città era nota nel periodo tolemaico e bizantino come Paraitònion (Παραιτόνιον) e in quello antico romano come Paraetonium. Marsa Matrouh, a circa 240 km a ovest di Alessandria d'Egitto e a circa 500 km a nord ovest del Cairo, è il principale centro urbano fino alla vicina frontiera con la Libia.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Rinomata località turistica balneare essenzialmente per gli egiziani, a partire dal 2005 ha conosciuto un vero e proprio boom internazionale, soprattutto da parte degli italiani. A Marsa Matrouh non è però presente la barriera corallina per cui non si trovano i colorati pesci presenti invece nelle località del Mar Rosso.

Sulle rive del Mediterraneo dalla primavera del 2006 sono sorti nuovi villaggi di proprietà egiziana ma a gestione italiana, affidata a importanti tour operator come Alpitour, Veraclub e Going (quest'ultimo ha ereditato la precedente gestione di Ventaglio) le cui strutture si trovano nella baia di Almaza, che in arabo significa "perla". Marsa Matrouh - dove si trova anche un aeroporto militare - è una tappa per chi desidera visitare l'oasi di Siwa nel deserto libico occidentale (a circa 300 chilometri di distanza).

Architetture[modifica | modifica sorgente]

In Egitto accanto alle testimonianze musulmane, come la bella moschea di Marsa Matrouh, non mancano i simboli della religione cristiana. Ma ci sono anche testimonianze della storia recente, come il bunker sotterraneo dell’isoletta davanti a Marsa Matrouh che durante la seconda guerra mondiale ospitò il comandante tedesco Rommel, la volpe del deserto. Da qui l’uomo di fiducia di Hitler impartiva disposizioni alle forze italo-tedesche impegnate contro i britannici. A circa 200 km da Marsa Matrouh si trova il sacrario italiano di El Alamein dove si svolse una delle battaglie decisive della Seconda Guerra Mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anche Alessandro Magno secondo la tradizione avrebbe fatto una sosta a Marsa Matruh prima di raggiungere l'oracolo di Amon (il dio sole per gli Egizi) a Siwa. A qualche chilometro dalla città (che in estate quadruplica il numero di abitanti) c’è la spiaggia di Cleopatra: si dice che la mitica Regina si bagnò in queste acque mentre alcune iscrizioni rinvenute nelle vicine antiche costruzioni rivelano che qui, tra le formazioni rocciose, avrebbero fatto il bagno Cleopatra e Marco Antonio.

Durante la seconda guerra mondiale, l'intera regione fu coinvolta in alcuni dei più rilevanti fatti d'arme che contrapposero l'Asse italo-tedesco all'esercito britannico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]