Sognando l'Africa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sognando l'Africa
Titolo originale I Dreamed of Africa
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 2002
Durata 114 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, avventura
Regia Hugh Hudson
Soggetto dal romanzo autobiografico di Kuki Gallmann
Sceneggiatura Paula Milne, Susan Shilliday
Fotografia Bernard Lutic
Montaggio Scott Thomas
Musiche Maurice Jarre
Scenografia Andrew Sanders
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
Nomination ai Razzie Awards 2000: Peggior attrice protagonista (Kim Basinger)
« A volte l'avventura di una vita diventa la vita stessa »
(Tagline del film)

Sognando l'Africa è un film del 2000 diretto da Hugh Hudson, tratto dal romanzo autobiografico di Kuki Gallmann Sognavo l'Africa.

Fu presentato nella sezione Un Certain Regard del 53º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1970. Kuki è una donna divorziata, che vive con il figlio Emanuele, di 7 anni, a Venezia, mentre il suo ex-marito è rimasto in America, con la sua nuova moglie. Una sera, lei esce con degli amici, ma rimane coinvolta in un incidente stradale provocato dalla fuoriuscita di strada dell'auto per evitare un autocarro che stava sbandando; lei viene ricoverata in ospedale e lì conosce Paolo Gallman, di cui si innamora. Tempo dopo, i due si sposano e Kiki decide di andare a vivere in Africa, con il marito e il figlio.

Arrivati in Kenya, vanno ad abitare in una tenuta di 400 km quadrati, dove Kuki inizia la sua nuova vita da sogno, dove viene ben presto avvolta dal fascino del paese. Lì, lei perderà di vista Emanuele, che andrà a studiare in collegio. Qualche anno dopo, Kuki rimane incinta di Paolo, da cui avrà una figlia, Sveva. Ma prima di mettere al mondo la piccola, Paolo muore in un incidente stradale tra Mombasa e Nairobi. Anni dopo, Emanuele (ora 17enne) torna a vivere con la madre, ma morirà avvelenato dal morso di una vipera soffiante.

Anche se l'Africa le ha tolto le cose più importanti della vita, Kuki rimane a vivere nelle terre che tanto l'avevano affascinata, creando nel 1984 la "Gallmann Memorial Foundation".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sognavo l'Africa, il romanzo da cui è tratto il film, è stato pubblicato nel 1991 dalla Arnoldo Mondadori Editore ed in seguito ripubblicato in occasione dell'uscita del film. Il film è stato girato in parte in Sudafrica ed in parte tra Venezia e Vicenza. Il film è uscito in Italia il 26 maggio 2000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2000, festival-cannes.fr. URL consultato il 6 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema