Scuola megarica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La scuola megarica, che fiorì nel IV secolo a.C., venne fondata da Euclide di Megara, uno degli allievi di Socrate. Gli insegnamenti etici della scuola sono stati ricavati da Socrate, riconoscendo un singolo bene, apparentemente associato alla dottrina eleatica dell'Unità. Alcuni successori di Euclide svilupparono a tal punto la logica da divenire una scuola separata, nota come Scuola dialettica. La loro opera sulla logica modale, le implicazioni logiche e la logica proposizionale ricoprì un ruolo importante nello sviluppo della logica nell'antichità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La scuola megarica venne fondata da Euclide di Megara, uno degli allievi di Socrate, verso la fine del V secolo a.C.[1]. I suoi successori a capo della scuola si dice siano stati Ichthyas (metà del IV secolo a.C.) e Stilpone di Megara (fine del IV secolo a.C.)[2]. È comunque improbabile che la scuola megarica fosse un'istituzione effettiva e che avesse una posizione filosofica unitaria[3]. Si diceva che i filosofi della scuola fossero stati chiamati "megarici", in seguito "eristi" e poi "dialettici"[4], tuttavia è probabile che questi nomi designassero gruppi scissionisti distinti dalla scuola megarica[5]. Oltre a Ichthyas, i più importanti allievi di Euclide furono Eubulide di Mileto[6] e Clinomaco di Turi[7]. Sembra che sotto Clinomaco fosse stata fondata una Scuola dialettica separata[8], che si soffermò molto sulla logica e la dialettica, e si disse che Clinomaco fu «il primo a scrivere di proposizioni e predicati[7]». Comunque, Euclide stesso insegnò la logica[9] e il suo allievo, Eubulide di Mileto, famoso per l'impiego di celebri paradossi, fu il maestro di molti dialettici successivi. [6]

Tramite Stilpone, la scuola megarica influenzò la scuola di Eretria sotto Menedemo e Asclepiade di Fliunte, ma la maggiore influenza fu sullo stoicismo: Zenone, il fondatore della scuola stoica, avrebbe studiato sotto Stilpone e Diodoro Crono[10] e dibattuto con Filone.

Visione filosofica[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza della scuola eleatica fu sul sostenere la separazione indubbia tra il mondo sensibile (percettibile e anche percepito) e il mondo delle idee (immutabile ed eterno). Definendo questa idea, Stilpone da Megara criticò Platone per il suo intento di spiegare il mondo sensibile con il "modello intelligibile" concepito solo dalla ragione, poiché essa viene dallo stesso mondo delle idee.

L'influenza socratica li spinse a cercare la verità, identificata con il bene, facendo sorgere un problema etico-gnoseologico. Identificarono dunque nel Dio benevolente, intelligente e giusto di Socrate - idea che precedette il monoteismo - l'essere unico e immutabile di Parmenide di Elea e lo chiamarono Dio, sapienza o giustizia, acquisendo alla domanda un carattere metafisico proprio della scuola eleatica.

La scuola megarica si basava sull'arte di discutere o erística, come un ramo superiore della dialettica. L'eristica, decadendo, finì con il convertirsi ad una verborrea priva di senso, esercitata su sillogismi come: «Tu hai ciò che non hai perso. Tu non hai perso nulla, per cui tu non hai nulla.»

Il termine dispregiativo di sofista come saccente — seguendo la radice greca σοφιστης (sofisti) cioè σοφια (sofía: "sapienza") — li definiva chiaramente per la loro affinità con la paradossia e la sottile eloquenza logica che dominavano virtuose e quasi prepotenti. Si staccarono anche nel calcolo proposizionale, come più tardi avrebbero fatto gli stoici greci.

Diodoro Crono, per esempio, modificò gli argomenti razionalmente impossibili (aporie) di Zenone di Elea (si veda la voce: Paradossi di Zenone) per negare così il movimento delle cose. Una teoria contigua a questa affermava che "si può solo parlare dell'essere attuale" e non di ciò che sta fuori dallo spazio o dal tempo presente. Permettere solo l'affermazione di ciò che realmente succede sopprime l'idea di Aristotele che considerava il possibile un modo del reale.

Stilpone di Megara fu maestro del cipriota Zenone lo stoico, fondatore dello stoicismo; ne è un riflesso la profonda relazione tra le due dottrine.

La scuola eretriaca, fondata da Menedemo di Eretria era analoga alla scuola megarica, con l'eccezione dei suoi interessi nei problemi sull'azione umana (etica e politica).

Lista completa dei Megarici[modifica | modifica wikitesto]

Alessino, Apollonio Crono, Brisone d'Acaia, Clinomaco di Turi, Dionisio di Calcedonia, Dioclide, Diodoro Crono, Eubulide di Mileto, Euclide di Megara, Eufante, Ichthyas, Pantoide, Pasicle, Filone il Dialettico, Polisseno il Sofista, Stilpone di Megara, Trasimaco di Corinto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 47
  2. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 113
  3. ^ Gill & Pellegrin 2006, p. 132
  4. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 106
  5. ^ O'Toole & Jennings 2004, p. 406
  6. ^ a b Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 108
  7. ^ a b Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 112
  8. ^ O'Toole & Jennings 2004, p. 406; sebbene la definizione di "Scuola dialettica" sia stata coniata apparentemente da Dionisio di Calcedonia, come riportato in Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 106
  9. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, II, 107
  10. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, VII, 16

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giannantoni, Gabriele (a cura di). Socratis et Socraticorum reliquiae, (raccolta dei frammenti e delle testimonianze i 4 volumi) Napoli. Bibliopolis, 1990 (seconda edizione).
  • Cambiano, Giuseppe. Il problema dell'esistenza di una scuola Megarica, in: G. Giannantoni (a cura di), Scuole socratiche minori e filosofia ellenistica, Bologna: Il Mulino, 1977, pp. 25-53.
  • Döring, Klaus. Die Megariker. Kommentierte Sammlung der Testimonien Amsterdam, Grüner, 1972 (collezione dei frammenti e delle testimonianze).
  • Montoneri, Luciano. I Megarici. Studio storico-critico e traduzione delle testimonianze antiche. Catania, Università di Catania, 1984.
  • Muller, Robert. Les Mégariques. Fragments et témoignages (Traduction avec commentaire de l'édition de K. Döring), Paris, Vrin 1985.
  • Muller, Robert. Introduction à la pensée des Mègariques Paris, Vrin 1988.
  • O'Toole, Robert R. & Jennings, Raymond E. The Megarians and the Stoics, in Gabbay, Dov; Woods, John, Handbook of the History of Logic: Greek, Indian, and Arabic logic, Vol. III, Amsterdam, North Holland, 2004 ISBN 0-444-50466-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]