Scuola catechetica di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La scuola catechetica di Alessandria, in greco τῆς κατηχήσεως Διδασκαλεῖον, è la scuola di teologia di Alessandria d'Egitto attiva sin dal II secolo, nota anche come Scuola di Alessandria o Didaskaleion (Διδασκαλεῖον).

Importante istituzione cristiana, fu il fulcro ed il maggiore centro di studi volto a combattere lo gnosticismo imperante nella città.

Storia della Scuola di Alessandria[modifica | modifica wikitesto]

Questa grande città era un centro culturale e politico di primaria importanza, dal grande respiro intellettuale. Sotto la lunga protezione dell'impero romano erano sorte e si erano sviluppate diverse scuole filosofiche. Si discutevano le idee dei critici, degli eclettici, e Platone era il preferito tra i vecchi maestri. Ad Alessandria il Neoplatonismo, la filosofia della nuova rinascita pagana, aveva un profeta nella persona di Ammonio Sacca. Anche gli ebrei, molto numerosi, vi poterono respirare l'atmosfera democratica, ad avevano assimilato il profondo retaggio culturare della città. Questi ultimi formarono la colonia più illuminata della Diaspora. Avendo abbandonato l'uso dell'ebraico, trovarono necessario tradurre le Sacre Scritture in greco, che era loro più familiare. Filone di Alessandria, il loro primo pensatore, divenne una sorta di "Platone ebreo".

Alessandria era, insomma, uno dei principali luoghi in cui si poteva trovare quella particolare combinazione di paganesimo e speculazione cristiana noto come gnosticismo. Importanti maestri gnostici come Basilide e Valentino insegnarono ad Alessandria. E non sorprende, perciò, trovarvi anche dei cristiani. Vi erano in città diverse "scuole di istruzione orale" per catecumeni (coloro che intraprendono il percorso di fede che si conclude con l'ammissione al Sacramento del Battesimo) ufficialmente riconosciute dalla Chiesa. Le lezioni erano organizzate su due cicli: al primo potevano assistere anche i pagani, mentre l'insegnamento avanzato era impartito solo ai convertiti al cristianesimo. Il Didaskaleion era la scuola principale in quanto faceva risalire la propria fondazione direttamente a San Marco evangelista.

Nella seconda metà del II secolo, l'istituto acquisì un fondamentale sviluppo grazie all'opera del siciliano Panteno (e, secondo alcune fonti, grazie anche all'apologista Atenagora). Verso il 190 Panteno fu inviato missionario in India. Lasciò la guida della scuola al discepolo Clemente Alessandrino.

Il filosofo e teologo vi esercitò i propri insegnamenti fino alla persecuzione di Settimio Severo del 202. In seguito la scuola passò sotto il controllo del vescovo Demetrio e solo allora assunse le caratteristiche di una scuola catechetica ufficiale, divenendo un istituto di teologia per laici e quindi differenziandosi dalle scuole per catecumeni; la scuola fu affidata all'appena diciottenne Origene Adamanzio, destinato a diventare il più grande teologo della chiesa greca antica.

Nel 232 Origene, dopo la condanna all'esilio, lasciò la direzione della scuola ad Eracla per rifugiarsi a Cesarea di Palestina. Qui aprì una nuova scuola con annessa biblioteca. Sui libri di questa biblioteca si formò qualche decennio più tardi, Eusebio di Cesarea (265-340), Padre della Chiesa.

Attività della Scuola di Alessandria[modifica | modifica wikitesto]

Sulle attività della Scuola di Alessandria non abbiamo molti documenti, sembra sostanzialmente che la sua attività si incentrasse su conferenze a carattere religioso e apologetico. Parallelamente a queste vi era un insegnamento relativo alle sette arti liberali (grammatica, logica, retorica, astronomia, geometria, musica e matematica) ma i termini di tale insegnamento nella scuola non sono noti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]