Rosso di Persia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rosso di persia è una profonda tonalità di arancione tendente al rosso composto da un pigmento proveniente dal Golfo Persico (da cui il nome), composto di silicato di ferro e alluminio con magnesio. Viene anche chiamato vermiglione artificiale.

Rosso di Persia
Coordinate del colore
HEX #CC3333
RGB1 (r, g, b) (204, 51, 51)
CMYK2 (c, m, y, k) (0, 75, 75, 20)
HSV (h, s, v) (5°, 50%, 50%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

La prima volta che è stato usato il termine Rosso di Persia per indicare tale colore è stato nel 1897.[1]


Rosso di Persia nella storia[modifica | modifica sorgente]

  • Prima della caduta della monarchia iraniana nel 1979, esisteva una organizzazione chiamata il "Leone rosso e il sole", che era l'equivalente iraniano della Croce Rossa. In Iran, il simbolo dell'organizzazione era un leone e un sole color "Rosso di Persia" su sfondo bianco.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Maerz and Paul A Dictionary of Color New York:1930 McGraw-Hill Page 201