Ron Lyle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ron Lyle
Ron Lyle boxer.png
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi massimi
Carriera
Incontri disputati
Totali 51
Vinti (KO) 43 (31)
Persi (KO) 7 (1)
Pareggiati 1
 

Ron Lyle (Dayton, 12 febbraio 1941Denver, 25 novembre 2011) è stato un pugile statunitense appartenente alla categoria dei pesi massimi.

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe una giovinezza difficile, caratterizzata dalla prigione. Fu arrestato infatti con l’accusa di aver ucciso a colpi di pistola Douglas Byrd, suo coetaneo, in una rissa tra gangs. Rischiò da 15 a 25 anni di reclusione, e in carcere fu anche accoltellato per vendetta, rischiando seriamente la vita.

Cliff Mattax, direttore del carcere, lo introdusse nel mondo pugilistico, finché nel 1969 uscì dal carcere, dopo oltre 7 anni. La sua attività amatoriale vide 29 incontri con 25 vittorie (17 prima del limite) e 4 sconfitte. Molto tardi, a quasi 30 anni, entrò nel professionismo.

Da ricordare il match perso contro George Foreman nel 1976, il primo disputato da Foreman dopo la grave crisi depressiva seguita alla sconfitta di Kinshasa. All'incontro fu assegnato il titolo di Match dell'anno.

Lyle si ritirò poco tempo dopo, dopo la sconfitta alla prima ripresa contro Gerry Cooney. Intrapresa l’attività di guardia giurata, fu nuovamente implicato in un misterioso caso di omicidio in una casa newyorkese. Scagionato, tentò di nuovo la via del ring e di nuovo contro Foreman, ma l’età dei due (54 Lyle, 48 Foreman) non permise il match, e così Lyle chiuse definitivamente con la boxe.

Negli ultimi tempi svolse l’attività di allenatore pugilistico. In tutto, la sua carriera professionistica conta 51 incontri, 43 vinti (31 per ko), 7 persi e 1 pareggiato.

È scomparso nel 2011 all'età di 70 anni a seguito di una malattia allo stomaco[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Former heavyweight contender Ron Lyle, who battled Ali and Foreman in 1970s, dies in Denver, The Washington Post, 26-11-2011. URL consultato il 27-11-2011.

Controllo di autorità VIAF: 121226470 LCCN: no2010078969